PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I vicini

Sono John, sono qui a scrivere perchè ormai mi è rimasto pochissimo tempo. Partiamo dal principio: io abito in una villetta a Roma, bel posto, molto accogliente se non fosse per i miei vicini di casa. Sento continuamente urla da casa loro ma la cosa più inquietante è che le sento sempre alla stessa ora.
Oggi ho sentito nuovamente quelle urla, quel chiasso, così decisi di andare a vedere dalla finestra senza dare nell'occhio; ciò che ho visto è un orrore.
Otto corpi mutilati, squarciati. Per lo shock non ho fatto in tempo a rientrare dentro e chiudermi in casa: mi hanno visto.
Ho chiamato immediatamente la polizia ma ormai non c'è più tempo. Vedo il loro riflesso dallo specchio dell'ingresso, mi stanno cercando... senti anche tu i loro passi?

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 21/05/2016 19:32
    Ma certamente dolce Chiara, un abbraccione
  • Chiara il 21/05/2016 17:49
    Grazie mille, Silvia.
    Cercherò di migliorare sempre di più, Ugo.
  • silvia leuzzi il 20/05/2016 21:53
    Brrrrrrrr che paura! Hai delle doti insisti. Brava
  • fabrizio costa il 17/05/2016 12:46
    certo non manca di originalità
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/05/2016 11:44
    Dovrebbe essere alquanto pauroso, ma io lo trovo simpatico; e poi, stai tranquilla, non sento i loro passi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0