PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diario 18/05/2016

Poi, dentro questa angoscia sorda, abbiamo come visto Dio rendersi partecipe nella sventura, il suo muso stanco gridare troppe coordinate indecifrabili, la sua voce rauca farsi sentire vicina. Dio è un oceano asettico che nella sua abbondanza ci invita ad amare senza chiedere nulla in cambio, forse solo un idioma incomprensibile, la libertà in cui sogniamo di tuffarci da quando siamo venuti al mondo. E se non fosse per Dio, per l'idea di Dio, saremmo morti prima ancora di cominciare.
Dopo l'angoscia ci sarà soltanto il mondo, la linea sottile che divide l'affondo negli inferi del dolore dalla conseguente risalita, le contraddizioni e le bellezze del mondo, la mano del padre che ci guida, dolce, nel percorso della vita. Ci sarà, in pratica, una nuova vita davanti che si presenterà, una vita che non avremmo mai immaginato di vivere, come per volerci rivalere sul destino, anche noi, in fondo, presenti.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/05/2016 08:01
    UN ESPLICITO QUANTO ESPRESSIVO SEQUELAR. SEMPRE QUALCOSA DA RIFLETTERE CI LASCI MAGISTRALMENTE.
    LIETA GIORNATA.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/05/2016 05:32
    amare senza chiedere nulla in cambio, è forse solo un idioma incomprensibile... se l'angoscia nel percorso della vita non muta in un sorso di gioia.
  • silvia leuzzi il 18/05/2016 16:00
    Sempre profondo e a tinte scure il tuo scrivere, il tuo girare intorno al quid che c'opprime e c'illude. Scorrevole e realistica

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0