username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Diario 25/05/2015

... e poi c'è stato l'amore. Il volto irrinunciabile dell'amore, le sue parole gentili, i suoi motivi sofisticati, tutto l'insieme di peripezie sentimentali cui s'affaccia un cuore quando lo prova, l'amore. C'è stato l'abbaglio, furioso, nella notte della sopportazione. Era stato difficile, prima, sopportare le cose. Sentire quel gran peso del Nulla fattosi oggetto, persona, orizzonte. Era stato difficile, in primo luogo, sopportare se stessi, scendervisi a patti, trovare punti d'incontro. Era tutto un arrovellarsi nella notte dell'ambiguità d'esistere. Poi questa luce, fulgente, calorosa, che s'è come impressa su quell'oceano d'aridità. Era questo l'amore, calore che sorprende il freddo, acqua che irriga il deserto, e poi pane e vino e zucchero che sazia il poveraccio. Così io mi sentivo, allora: un poveraccio. E forse lo ero veramente, a guardarci bene, e quando tutto finì ritornai con i piedi per terra, più povero di prima, più solo e ancora più sconsolato. L'amore aveva una sola cosa di controproducente: prima o poi sarebbe dovuto finire.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 31/05/2016 14:31
    A volte è tristemente come dice tu...
  • Antonino R. Giuffrè il 25/05/2016 19:23
    Colgo una contraddizione patente tra il cinismo traboccante di certe tue affermazioni e il sentimento nostalgico che provi per questo amore ormai svanito. Sei stato amato e hai amato; non temere, tutto nella vita si ripete, anche l'amore, anche la delusione. Il problema è quando qualcosa non è mai accaduta; allora, sì, che c'è da disperare.

1 commenti:

  • maria angela carosia il 25/05/2016 16:11
    La gioia, la fatica e poi la fine... Intenso e vero. Un carissimo saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0