accedi   |   crea nuovo account

Ho deciso di cambiare vita (2)

<<Perché ti stupisce?... comunque tranquillo qui possiamo lasciarci un po' andare... non ci fa caso nessuno!>>. Mi strizza l'occhio, e io sento di aver bisogno di uno Xanax!


Questa cosiddetta "boutique chic" di Morbegno non ha nulla a che fare con la boutique di un certo livello in cui lavoravo a Milano. Non tanto per gli abiti e accessori venduti, perché ormai nell'era della globalizzazione... anche se su questo ci sarebbe da ridire... il problema sono queste "sciurette" valtellinesi! Tutte così scialbe e troppo semplici; o peggio ancora che fanno finta di essere entusiaste donne di mondo, e non lo sono.

Arriva una mora, piccoletta con una camicetta non male, color verde acqua. Mi sorride, e io di riflesso le sorrido, ma lei mi sorride come se mi conoscesse; non mi dice niente, e mi ricorderei di una così, perché mi sembra una tipa difficile da dimenticare.

Con ancora il sorriso sulle sue labbra di un rosso osceno mi dice tutta giuliva:<< Non ci posso credere?!!! Lucaaa!!! E così sei tornato in valle?>>.

<< Bé, purtroppo...>>

<<Non mi hai riconosciuta, vero?>>.

Cazzo ma perché si fa sempre più vicina al bancone, a me, ma che vuole questa qua? Tanto non ti riconosco!!!

<<Sono Linda, ricordi? Linda Ronconi, quella che abitava verso il Bitto. Eravamo molto amici noi due... questo fino a che non mi hai detto che Patrick, il mio fidanzato di allora, era uno sfigato, che io ero una sfigata a accontentarmi di uno come lui, di una vita come la nostra, la mia, che in fondo ero più sfigata di lui perché non capivo che l'unica mia possibilità di emancipazione fosse quella di fuggire da questo posto di merda, di scappare a Milano con te...>>.

Pochi minuti di silenzio fra noi, imbarazzatissimi. Poi lei ormai "appiccicata" a me:<< Allora che ci fai qua? In questo posto di merda? Qui a vendere vestiti? Mi avevano detto che avevi messo su un ambiente nella tua amatissima Milano con uno?>>.

<<A-allora... tesoro stai cercando qualcosa di particolare?>>.

<<No, lascia pure "tesoro", ho già ottenuto ciò che volevo... bye!>>.


Non avevo certo in mente questo quando lasciai Milano, ormai, un mese fa. Più che ricominciare una nuova vita, mi sto alcolizzando un bel po'. Praticamente sto sputtanando tutta quella miseria che racimolo da quel porco di Davide in vino scadente, puah! Io che poi, tra l'altro. l'alcool non lo reggo manco per niente... Certo io e Simone eravamo abituati a altro... Simo, amore mio, cazzo! Perché ti sei... ti sei... suicidato? E i debiti... il disastro finanziario...

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 31/05/2016 10:32
    ora corro a leggere il resto Fri che so curiosa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0