accedi   |   crea nuovo account

La nascita di Giulia

Giulia faceva l'amore pensando sempre alla sua carne, il fremito che la possedeva quando lui la toccava... a questo punto emerge un dubbio, non sono uno scrittore, mi mancano le idee, la fantasia, e il racconto si sgonfia come un sacchetto di plastica o un materassino gonfiabile.


La testa dello scrittore si svuota completamente e l'interno si riempie di paccottiglia, vasi cinesi, matrioske, pacchiane copie della tour Eiffel o del Colosseo... Giulia era una puttana che non sentiva che il fremito della sua carne, perchè aveva scelto di fare quella vita? Incontri sbagliati? Delusioni? Problemi economici? Adesso aspettava un treno alla stazione, al binario 8...


La storia che si crea non interessa nessuno, a chi può interessare la storia di una puttana che pensa soltanto al fremito della sua carne e che attende un treno al binario 8 della stazione? Dove sarà diretta Giulia? E perchè pensa così spesso al fremito della sua carne? La carne è importante, gli uomini con i quali ha fatto l'amore erano fatti di carne, la loro pelle a volte puzzava di sudore, altre volte aveva il gusto delle amarene. A lei piaceva sentire il gusto della carne.


Scrivere è una grande responsabilità, un peso che si alleggerisce solo quando la trama comincia a prendere slancio, lo scrittore vola come un aliante all'arrivo del treno al binario 8 della stazione.
Poi l'aliante, per mancanza d'iniziativa, inizia a perdere quota fino a sfiorare le rocce sul pendio. Come farà lo scrittore a ritrovare la sua verve?


Giulia sta piangendo, in un modo che nessuno si possa accorgere della sua tristezza, in fondo lei non si sente una puttana ma una donna stanca di vivere in quella città, per questo l'attesa del treno è una sorta di catarsi. Domani sarà un'altra donna, la sua carne, forse, avrà un fremito diverso, meno doloroso, i suoi occhi si poseranno su strade nuove, comprerà abiti nuovi, scarpe più comode. Cambierà vita.


Gli occhi dello scrittore sono arrossati, sarà empatia nei confronti della sua creatura o una lieve irritazione da stress? Niente che non si possa curare con un semplice collirio...

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 28/06/2016 07:11
    solo la carne.. può dare la certezza di una verità assoluta... nella catarsi di un binario 8... l'infinita conferma..
  • Circasso il 27/06/2016 09:21
    uN NUOVO MODO DI SCRIVERE PONENDO AUTOCRITICA FRA SE E L'ELABORATO. iL RISULTATO È DI OTTIMA FATTURA.
  • Rocco Michele LETTINI il 27/06/2016 08:44
    DILIGENTI ET ACCORTI PERIODI CHE DAN ESPRESSIVITA' AL TUO SAPIENTE ELABORATO.
    LIETA SETTIMANA VINCENT.
    *****

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 29/06/2016 12:55
    Particolare Vincent, penso dovresti dargli un seguito, lo attenderemo ahahh bella la storia della carne, mi trovo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0