username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Di che religione sei?

Quando si parla di religione, la prima cosa che si pensa è: ce la farò a parlare di religione? Se un cristiano miscredente non praticante come me si trova casualmente a parlare di religione con un ateo arrabbiato con la vita, allora le cose si metteranno male, sarà meglio cambiare discorso, parlare di modellismo o di numismatica.
In fondo anche la numismatica è una religione...


Avete mai visto il film "Bella di giorno" con la Deneuve? Ebbene, la protagonista rifiuta da bambina di prendere la prima comunione. Scena tagliata inizialmente. Il regista, il surrealista Bunuel, era più interessato alle pulsioni più intime della protagonista, alle sue nevrosi.


Non sono mai stato in Australia, ma per caso un giorno vidi in una fotografia per turisti il monte Uluru, simbolo del Paese degli aborigeni, in quell'istante lo associai alla parola religione. Quella roccia enorme e solitaria, dai colori cangianti era la religione. La religione è una montagna speciale, l'incontro tra l'uomo e la consapevolezza dei propri limiti. Ho sempre avuto ben chiaro quali fossero i miei limiti e credere in qualcosa, spesso, non li sposta di una virgola.


Esiste una sottile linea che unisce la parola patria alla parola religione. Entrambe le parole vorrebbero portare l'uomo lassù in alto, con la pretesa di far crescere le ali ad un essere che non è portato, per sua natura, al volo. Il risultato è disastroso. Personalmente preferisco le parole scienza e territorio. Mi affascinano i Testimoni di Geova, incredibile ma vero: per molto tempo ho desiderato essere uno di loro, la loro unità, la perseveranza, i loro volti di persone dedite alla religione non sono da trascurare. I loro opuscoli raffiguranti scene di beatitudine dai colori brillanti sono un esempio di come la religione possa essere anche un'esperienza visiva.


Eppure, non molto tempo fa, mi sono trovato veramente a parlare con un ateo arrabbiato con la vita. Volete sapere com'è andata? Mi sono ammutolito, anzi, inizialmente balbettavo, bleah bleah bleah, poi il silenzio. Infine la numismatica.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/06/2016 09:24
    Lo trovo molto ben scritto, in quanto al contenuto mi astengo.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/06/2016 11:22
    QUANTA VERITA' EVINCO DAI TUOI RIFLESSIVI E PONDERATE ASSERZIONI...
    ENCOMIABILE SEMPRE VINCENT NEL TUO CHIARO STILE LETTERARIO.
    *****
  • Vincenzo Capitanucci il 28/06/2016 10:09
    Di che religione sei?... di tutte e di nessuna.. mi ritrovo in tutte quelle che uniscono.. mi allontano in tutte quelle che separano...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0