username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La goccia rossa

Una goccia di sangue. Da qualche giorno G. quando andava in bagno vedeva nella tazza del water una goccia di sangue dopo aver fatto i bisogni.


Si decise ad andare dal chirurgo dopo due settimane, anche se l'idea di subire una visita "manuale" dentro lo sfintere anale, non era un pensiero piacevole.
Il medico disse che si trattava di una banale ragade, una lesione benigna che sanguina e fa male e prescrisse una pomata da inserire per quindici giorni.


Dopo quel periodo ci fu un miglioramento ma, in seguito, la goccia rossa riapparve nella tazza del water. Allora G. si recò da un altro chirurgo più anziano che in seguito alla visita notò una specie di mezzaluna proprio all'esterno dell'ano. A questo punto il medico decise che la colonscopia fosse d'obbligo, con relativo esame istologico.


L'attesa del referto si fece attendere per due settimane, dopodichè il chirurgo chiamò al telefono G. e disse che c'era una brutta notizia. Nello studio, il medico parlò di carcinoma a cellule basali e di una possibilità: quella che G. sarebbe potuta diventare una persona stomizzata. Gli stomizzati sono pazienti ai quali è stato tolto l'ano.


Recandosi al reparto oncologico dell'ospedale della sua città G. si sottopose a ecografia e ad altre analisi, dalle quali non si riscontrava nulla di allarmante. In seguito il primario del reparto indirizzò G. verso un centro specializzato per la radioterapia, a cento chilometri di distanza.


Gli importanti medici che visitarono G. convennero che il tumore, allo stadio iniziale, non richiedeva la chemio tranne le compresse. Dopo un mese di ricovero e di bruciante radioterapia, le parti intime di G. avevano assunto un colore marrone-rossastro ma dalla tac non si rilevava nulla di preoccupante. Le indagini successive confermarono la bassa aggressività del cancro e la guarigione, a distanza di qualche anno, fu completa.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/07/2016 10:49
    UN ACUTO QUANTO REALE RACCONTO ELABORATO CON ACCORTEZZA.
    LIETA DOMENICA VINCENT.
    *****

3 commenti:

  • vincent corbo il 24/07/2016 06:01
    Spesso, si tende a sottovalutare dei piccoli disturbi che potrebbero nascondere una seria minaccia alla vita. Per questo mai vergognarsi di certe visite e consultare, se possibile, più di un medico.
  • silvia leuzzi il 23/07/2016 21:42
    Alla fine mi pare chiuso troppo in fretta. Comunque bel racconto realistico su un tema scabroso e doloroso.
  • antonina il 23/07/2016 19:36
    Meno male... la sofferenza si dimentica se i risultati sono ottimi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0