username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La lettera

Ho letto la lunga lettera della Fallaci a Pasolini, scritta dopo la sua uccisione. È una bella lettera, che si legge tutta d'un fiato. Pasolini amava New York e lo squallore della Quarantaduesima strada. Oriana lo redarguiva, fai attenzione, prima o poi ti uccideranno.


Amare lo squallore della Quarantaduesima strada significa essere squallidi dentro? Naturalmente no. Il grande artista era attratto dallo squallore, dalla miseria umana, cercava nel peccato una strada per la sua liberazione, che sarebbe arrivata con la sua uccisione.


È una lettera struggente, intensa, soffocante, liberatoria, umana. Parla di amicizia e di comprensione, di consapevolezze taciute, di verità. Leggendo questa lettera potremo imparare qualcosa in più sulla natura umana e sui suoi giri di boa. Pasolini spiazzava Oriana e lei ne era estasiata e inorridita.


In fondo, tutti moriamo e rinasciamo, seguendo un tormentato percorso di squallide strade e purificazioni sterili. Come Giasone e Medea (Maria Callas). Riuscirà l'uomo a non cadere ancora nelle sterili trappole di quest'esistenza a spirale? Pasolini era un uomo tormentato, alla ricerca della sua verità e quella verità era strettamente connessa ad una morte violenta. A cosa pensava il grande genio nei suoi ultimi momenti, quando ormai aveva compreso che la vita gli sfuggiva nel modo da lui agognato?


Non c'è comprensione senza cambiamento. Stamane mi son svegliato con un gran fracasso. Una lite furibonda tra due gatti neri che hanno mandato in frantumi un grosso vaso ornamentale.

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sabrina C. P. il 31/08/2016 09:33
    Stavo leggendo di Pasolini sul web, poco fa. Non so se questa mia affermazione conti molto... È un puro caso... Ho gradito molto il tuo scritto. Come dice Silvia la tua dialettica è autentica. Mi aggiungo al coro per darti la buona giornata.
  • Alain il 31/08/2016 08:48
    Bellissima questa riflessione, che tra l'altro descrive magistralmente il grande Pasolini, a mio parere l'intellettuale e non solo l'artista italiano più intelligente del 1900. Complimenti. I miei scritti non vengono pubblicati, ma almeno possono leggerne di suggestivi come questo.
  • Rocco Michele LETTINI il 31/08/2016 07:15
    Una lettera di riflessione mirabilmente firmata.
    Lieta giornata Vincent.
    *****

2 commenti:

  • Sabrina C. P. il 31/08/2016 09:33
    Stavo leggendo di Pasolini sul web, poco fa. Non so se questa mia affermazione conti molto... È un puro caso... Ho gradito molto il tuo scritto. Come dice Silvia la tua dialettica è autentica. Mi aggiungo al coro per darti la buona giornata.
  • silvia leuzzi il 30/08/2016 20:14
    Queste tue riflessioni tra il poetico e il saggistico hanno il sapore autentico di una bella chiacchierata tra amici. Grande Vincent

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0