username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tanto per i fantasmi del passato non c'è più niente da fare

Ci andavo spesso in quella vecchia locanda. Amavo l'atmosfera famigliare che vi si respirava. Le pareti e le travi di caldo legno; le luci soffuse illuminate da abat-jour di ogni foggia e colore; le foto incorniciate alle pareti; le panche di legno e gli avventori che chiacchieravano animatamente ai tavoli, o giocavano alle carte, e che sembravano essere lì da sempre, dalla notte dei tempi. Amavo, inoltre, Jhoanna, la "padrona della baracca", colei che lì dentro serviva al bancone e ai tavoli, che stava alla reception, faceva vedere le camere agli ospiti e le preparava e oltre tutto ciò trovava pure il tempo, la sera, per aiutare i suoi deliziosi due bambini con i compiti. Ma a essere onesto fino in fondo, almeno per quello che concerne un dato periodo, periodo che più o meno andava dalla fine di ottobre dell'anno scorso fino agli inizi di aprile, lo frequentavo per lei.

Lei apparì magicamente un sera di fine ottobre. Era una di quelle sere tipiche che fanno da noi in autunno: fredda, umida, nebbiosa. Non la vidi entrare, non ci fu un evento speciale che fece in modo tale che la mia attenzione fosse attratta da lei.

Semplicemente, forse per un segno del destino, il mio sguardo pigro e un po' annebbiato dai fumi dell'alcol, si posò sul tavolo al quale lei sedeva. Donna di un'età difficile da definire, ma indicativamente tra i trenta e i quaranta. Stava china sul tavolo, anzi stava proprio ricurva a esaminare delle carte. Sembrava così fuori luogo in quel posto! Così seria, con una ciocca dei capelli biondi e castani che continuava a ricaderle davanti agli occhi e lei che con un gesto stanco continuava a ricacciarla su. Non sembrava scocciata, solo molto assorta, impegnata da quello che stava facendo. La candela ornamentale posta, anche, sul suo tavolo la illuminava di una luce dorata che la faceva apparire quasi una santa. Quella prima sera la passai a osservare il suo attento e instancabile lavoro di lettura di quelle carte. Lei, presa com'era, invece, non mi degnò di un solo sguardo.

La sera dopo, con mia enorme sorpresa me la ritrovai di nuovo lì, seduta allo stesso tavolo del giorno precedente. Lavorava ancora su delle carte, dei documenti. Io, sera dopo sera, cercai di avvicinarmi a lei, e per prima cosa, per un paio di sere, iniziai a sedermi proprio al tavolo di fronte al suo. Jhoanna, la quarantenne più giovane e matura allo stesso tempo che io abbia mai visto, la mora più sexy e tonica del pianeta, a un certo punto capì tutto e iniziò a sfottermi, ma a me non importava niente.

Christina, il nome della sconosciuta tutta seria, era bellissima e aveva tante di quelle qualità che quando le scoprii tutte non potei fare a meno che rimanere meravigliato. Innanzitutto era una donna forte, combattiva e questo lo scoprii la sera in cui presi finalmente il coraggio di avvicinarmi al suo tavolo. Christina aveva solo trentadue anni, un matrimonio rovinosamente finito alle spalle, due bimbi da crescere pressoché da sola, e come se non bastasse, di cui uno, il maschio, con gravi discapacità intellettive, dovute ha un grave incidente avuto quando era più piccolo, anzi, diciamo pure piccolissimo. E per lui, lei stava combattendo. Studiando carte su carte. Attaccandosi al più piccolo cavillo legale, per essere supportata, per garantire al proprio figlio "sfortunato" una vita il più verosimilmente dignitosa, "normale". Tutto ciò me lo confidò tra un sorso e l'altro del caffè che timidamente accettò, offerto, da me.

12

l'autore frivolous b. ha riportato queste note sull'opera

1)parte prima

2) la frase troncata è: " Mi parlò di quel ragazzo che la fece tanto soffrire anche se io, onestamente, non ne capivo il perché."


0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 05/09/2016 11:57
    Un frivolous meno frivolo del solito e più sentimentale. Suggerimento: Mi parlò di quel ragazzo che la fece tanto soffrire anche se io, onestamente, non ne capivo il perché.

1 commenti:

  • frivolous b. il 05/09/2016 13:55
    Oh, grazie del suggerimento! Effettivamente così com'era suonava da schifo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0