username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Impermanenza

Ebbene sì, anch'io ho da poco rivisto "Piccolo Buddha", l'affresco tibetano di Bertolucci. Il mandala di sabbia, coloratissimo ed elaborato, che alla fine svanisce obbedendo alla sfumata legge dell'impermanenza. In fondo è quel che ho sempre fatto con le mie poesie, crearle e distruggerle fino a quando non è arrivato il web.


Pensateci, la legge dell'impermanenza esiste veramente oppure è una bufala buddhista? L'umanità potrà mai liberarsi di Renzo e Lucia? Già prima dell'avvento della rete era abbastanza difficile, figuriamoci oggi che persino le feste di battesimo potrebbero diventare eterne. È probabile che l'immagine del fungo di Hiroshima possa assurgere a logo di un centro commerciale che vende armi atomiche, nel lontano 5067; le generazioni future difficilmente si potranno liberare del volto languido e ammiccante di Marylin Monroe e persino dei quadri sconclusionati di Jackson Pollock.


Ci sono delle eminenti associazioni nate col solo obiettivo di salvare il salvabile, alla faccia dell'impermanenza. Le cento canzoni da salvare (tra le quali naturalmente c'è Imagine), i cento film da salvare ( La corazzata Potemkin) i cento libri da salvare da una catastrofe nucleare, le poesie, i quadri, le cento donne da ibernare, i cento dittatori da riesumare. E allora? Semplicemente, ci dobbiamo rassegnare, se non vogliamo passare all'eternità, dovremo evitare come la peste qualsiasi webcam, evitare di postare poesie, di scrivere commenti, di mostrare su youtube il nuovo paio di scarpe con le lucine fluorescenti, non scrivere niente di niente, non dipingere, passare anonimi come le ombre più scure.


Oppure trasferirsi in un monastero laggiù nei pressi dell'Everest o del K2, vestirsi di arancione e diventare parte di un tutto arancione: quel che sarà tramandato nel 5067 sara semplimente il colore arancio e noi staremo in pace con noi stessi riesumando l'antica e fascinosa legge dell'impermanenza buddhista.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/09/2016 08:28
    siamo un mandala ( quasi un manda là di sabbie.. che le mani di un tramonto improvvisamente cancella... mandandoci.. in un aldilà di stelle..

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 16/09/2016 08:31
    per Wilber.. il colore della nuova coscienza è di colore arancio.. un misto tra il giallo del sole..(apollineo )e un rosso passione (dionisiaco )

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0