PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pagina di diario: Non sto bene

Non sto bene così. Non sto bene perchè mi sento solo, dannatamente solo. Tu lì con la tua vita e le tue esperienze. Nuove amicizie, nuovi posti ed io qui a pensare e ripensare. Inizio a credere di non essere più la tua priorità.
Adesso a me servirebbe solo correre e stancarmi così tanto da non riuscire nemmeno più a rialzarmi;solo che questo purtroppo non mi e possibile ed io ci sto male. Sento di non stare bene, neanche un pò. Nemmeno sforzandomi. Non sto bene ed ogni giorno è peggio.
E ho capito che mi sento solo perchè lo sono e ciò non si può cambiare. Io sono solo. Tutta la gente a cui tengo è distante da me in questo periodo, forse proprio adesso che ne ho bisogno.
So di essere forte e molto, ma pensavo e speravo di non dover più essere forte da solo. Però, a quanto pare, mi sono sbagliato. Spero soltanto di non diventare una ruota di scorta ormai sgonfia ed abbandonata nel cofano di una macchina, perchè non riuscirei a sopportarlo.
Io non sto bene, per niente.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 17/10/2016 09:07
    Entrare nell'età adulta significa anche sopportare alcune solitudini e andare avanti.
  • Antonio Tanelli il 16/10/2016 20:00
    Più che solidale, vivo la tua stessa esperienza. passami la battuta, probabilmente come diceva Gaber, siamo allergici al numero due.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/10/2016 05:22
    UN LECITO QUANTO ESAUSTIVO MESSAGGIO CHE LEI CERTAMENTE RECEPIRA'...
    SERENA DOMENICA GIANNI.
    *****

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 16/10/2016 14:36
    Giannetto che tenero sei, questa è una pagina di diario, una lettera privatissima che ci doni a noi, per lo più dimentichi di quel senso di solitudine tutto adolescenziale che mi hai ricordato con queste tue parole. Un abbraccio, coraggio e ricordati: morto un papa se ne fa sempre un altro. Baci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0