username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Credere in qualcosa

Molti anni orsono acquistai in una fiera, al padiglione di Hong Kong, un piccolo buddha in avorio d'ippopotamo. Dolce e aggraziato lo pagai centomila lire. Le sue dimensioni non superavano quelle di una falange.


Mia madre se ne innamorò immediatamente e si mise a venerarlo come se fosse stata buddhista. In effetti, quel piccolo buddha in avorio lattiginoso mi ha accompagnato per buona parte della mia vita. Ancora oggi, quando lo osservo, ricordo come mia madre lo prendeva in mano e ne sentiva una vibrazione speciale. In quel piccolo oggetto, forse, dimorava un frammento di ciò che chiamiamo "bene".


Lui è stato il silenzioso testimone delle mie vittorie e delle mie sconfitte, di tutte le paure che non pensavo sarebbero venute a galla in età adulta. Un silenzioso testimone. Non ho mai creduto al potere degli oggetti, ma qualcosa in quel buddha vive come se il tempo si fosse fermato. Racchiude un frammento dell'anima di mia madre, che lo adorava così tanto.


Credere in qualcosa si traduce in un attimo: il momento esatto nel quale il mio sguardo incrocia il bianco lattiginoso dell'avorio, un oggetto che racchiude frammenti di svariate anime, anche la mia, forse un giorno, sarà contenuta almeno in parte all'interno di quella piccola e preziosa scultura non più grande delle dimensioni di una falange.


C'è qualcosa che sembra voler trasmettere il suo sguardo sereno: la serenità al cospetto della morte, la consapevolezza che si può attraversare un confine senza per questo perdere la dignità. Nessuno dovrebbe arrivare nei pressi di quel confine con la confusione e la paura. Questo sembra trasmettere un piccolo oggetto d'avorio comprato trent'anni orsono in una fiera affollata, al padiglione di Hong Kong.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 19/10/2016 09:46
    Sei una sorpresa continua mio caro Corbino...

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 19/10/2016 22:35
    Particolare Vincent questo tuo scritto, dove il ricordo e il sentimento conferiscono al piccolo Budda, una sacralità molto intima. Sensazione che conosco molto bene! Piaciuto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0