username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'allunaggio

Pensateci bene: 1969 l'uomo mette piede sul suolo lunare. Poi, più nulla. Col senno di poi, a me sembra una colossale bufala.


Circola una voce di corridoio che l'allunaggio sarebbe stato girato in un set cinematografico, che poi non sarebbe così pazzesco. E il regista? Kubrick naturalmente... e chi altri? Solo che poi, il cineasta si sarebbe "pentito" di aver partecipato al grosso inganno, al punto da girare una pellicola disseminata d'indizi, un film strano, allucinante, psicotico, intitolato "The shining", la luccicanza.


Estrapolato da un libro mediocre di Stephen King e stravolto a suo piacimento, infarcito qua e là di tracce nelle quali Kubrick dice quel che non potrebbe dire, sinceramente pentito dei suoi misfatti.


La storia è ambientata in un hotel maledetto e solitario dove uno scrittore in crisi va a rintanarsi con la moglie e il figlioletto che non fa altro che vagare col suo triciclo tra i lunghissimi e stranissimi corridoi dell'albergo. Da un piano all'altro, seguendo uno schema apparentemente illogico.
Al contrario nei film di Stanley non c'è nulla di illogico e la maglietta indossata dal bambino ne è la conferma. Persino le frasi insensate che Jack Nicholson urla alla fragile moglie, in un momento d'isteria, sarebbero il grido di dolore di un Kubrick frustrato alla propria consorte, disgustata dal comportamento del marito complottista.


È naturale che Stephen King si sia irritato, non immaginava lontanamente che Stanley si sarebbe divertito a "sbullonare" il suo best seller, lo scrittore horror si è sentito usato perchè in fondo il suo romanzo era stato "stuprato", spersonalizzato. Il regista aveva cambiato persino il numero della stanza "incriminata", da 217 a 237, che poi non sarebbe altro che la distanza in miglia dalla Terra alla Luna.


E Neil Armstrong? E le rocce portate per ricordo sulla Terra? E Houston, abbiamo avuto un problema? Certo è che l'uomo moderno non sarebbe lo stesso se non ci fossero stati quei momenti fatidici, l'emozione, il sogno di una civiltà, verità o menzogna, poco importa.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 10/11/2016 08:45
    Se si pensa alla tecnologia che c'era all'epoca, oggi dovrebbe essere quasi un low cost...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0