username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Semplicità e complessità

La realtà che ci circonda è complessa ma questo noi, quando veniamo al mondo, non lo sappiamo. Apriamo gli occhi senza conoscere la dimensionalità, la molteplicità, il senso de nostro corpo. A poco a poco passiamo dalla semplicità alla complessità. Scopriamo di avere intorno tanti esseri simili a noi, la scoperta del sangue è un evento traumatico, alla sua vista un bambino si mette a piangere inorridito. Tutto è una scoperta, da bambino mi piacevano i film dell'orrore, adesso preferisco cose meno cruenti. Il mistero era una luce viola che vedevo all'interno di un appartamento nel palazzo di fronte: una luce intermittente, persistente, lugubre. Poi si scopre il dolore, la diversità degli individui, il concetto d'infinito. Dove finisce il cielo? Il cielo non finisce mai...


Scoprire la complessità ci porta a riconsiderare il rapporto con noi stessi e con gli altri: dietro l'apparente semplicità della Gioconda di Leonardo si annida la complessità di un genio, cos'è quell'apparente semplicità che sembra permeare la canzone Gloria di Umberto Tozzi? Gloria, manchi tu nell'aria... Un tam tam con la forza di un uragano. Cos'è la semplicità? Dietro l'apparente semplicità di un corpo umano si annida la complessità: organi, sangue, cellule, sinapsi, sistole, diastole, virus, vita... e il passo dalla complessità alla proprietà emergente è presto fatto. Da ragazzo quando canticchiavo le canzoni dei miei cantanti preferiti, credevo di essere come loro, sarei potuto diventare una star, era facile. E allora cos'è la semplicità? La semplicità non è altro che il vestito della complessità. La semplicità è una pellicola che serve a coprire l'universo, ma è un vestito che abbiamo confezionato noi che abbiamo voglia di cose semplici.


Nel momento in cui l'uomo comprende la complessità, niente sarà come prima. Non riuscirò più a vedere il mio corpo e a pensare: il mio corpo è semplice.


Mi sono allontanato per fare una semplice colazione e ora ho perso il filo della matassa. I miei neuroni che erano tutti concentrati con le loro sinapsi nel cercare di dipanare la matassa della complessità, adesso si sono scollegati. Sto pensando a tutt'altro. Immagino di stare in una strada al centro di Tokyo, sarà una strada come tutte le altre, con grattacieli e megastore oppure con una fila interminabile di piccoli negozietti che vendono tempura. Avvertirò il peso della megalopoli intorno a me? Quaranta milioni di persone e strade e palazzi e ferrovie sovraelevate? Oppure sarò immerso nei miei pensieri, magari affascinato dai fiori multicolori che si affacciano da un negozietto variopinto?


12

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/11/2016 13:09
    RIFLESSIVO VERSEGGIO FORTE DELLA TUA INNATA MAESTRIA NEL TRASMETTERE ESAUSTIVE TEMATICHE.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0