accedi   |   crea nuovo account

Il dì dopo la festa

c'era puzza lì dentro. la lampadina accesa illuminava appena la finestra che dava su un terrapieno vecchio di millenni. liquidi. succhi organici. il gusto dozzinale della pappetta di vagina stabile nella mia bocca. sputai. dove mi trovavo? accanto a me, nel letto, un affare gommoso, un pupazzone, che mi fissava col suo sorrisino da pupazzo. 'Dinkey Donkey' pensai. ma non capivo cosa ci facesse lì il giocattolo della figlia di Mara. m'alzai e ispezionai la stanza. poi uscì fuori nelle altre stanze. 2 3 4 5. non finivano mai. e c'era anche il piano di sopra. a terra corpi sfatti di gente semi-nuda, uomini e donne, giovani, meno giovani, abbracciati l'uno all'altro, vicini alle bottiglie svuotate, dormienti, morti, devastati. c'era un uomo in mutande e maglietta che fumava una sigaretta alla finestra. " siamo a Messina?" gli chiesi. "no. è Raccuia questa. siamo a casa di Biagio". 'Biagio?' pensai. dalla scala in legno che dal pianterreno portava in mansarda si sentì uno scricchiolio di passi. era Mara. "cazzo ferdinando, Dinkey Donkey s'è perso. come glielo dico a Alice? non ne fanno più pupazzi in quel modo. come glielo dico?" "ma chi cazzo è Biagio?" dissi io. poi scese Mario il nano, l'artista. "celinio, figa a carovane iersera. c' è una tipa tutta boccoli biondi con due bombe che non ti dico..." "ma non c'è un cazzo da bere in questa reggia?" sbottai. prendemmo le birre da un piccolo frigo, erano le 4 e 40 della notte, Mario era eccitato, guizzava in quell'abitino di stoffa, si strofinava a Mara "oh oh, piccola Mara! oh oh, piccola Mara!" cantava. Io c'avevo un mal di testa universale. i postumi di una sbornia lunga e logorante si vedevano nell'instabilità che avevo nel camminare. con la testa stabilivo di andare dritto ma poi, per motivi di cortocircuiti causati dall'alterazione, battevo sempre sulla sinistra, ero lì lì per cadere, non mi reggevo, insomma. afferrai violentemente Mara dalla mano e le dissi "ora mi dici dove cazzo siamo e chi è sto Biagio!" lei sorrise, anzi no, rise proprio di gusto, mi guardò con quegli occhi brillanti e mi disse "alle 9 eri già bello che andato. ma non ti ricordi? il numero su Andy Kaufman? la polacca?" "ma quanto diavolo è che siamo qui?". poi ci fu un frastuono, un rumore come di qualcosa che si spezzava " te lo dico io figlia d'una cagna! ti sei scopata quel nero mentre io dormivo! brutta troia, ti faccio il culo a fettuccine!". passammo oltre. nella veranda un cane grosso, nero e festante ci venne incontro scodinzolando "ma questo è Bagy!" dissi "merda, mi ricordo solo di Bagy!". poi accesi una sigaretta, mi sedetti, sfilai il taccuino dal giubbotto e scrissi questo.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 25/12/2016 22:52
    Spaccato di un dopo, di rifiuti, di violenza strisciante, di depressione sociale e morale che ben rappresenta qualsiasi dì dopo la festa, Lavoro interessante Ferdi, auguri visto che ci siamo

1 commenti:

  • Ferdinando il 26/12/2016 01:43
    Auguri a te, silvia e grazie per il passaggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0