PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Glicerina

Di solito risolvo i miei piccoli problemi di stitichezza con le supposte di glicerina. Dopo diciotto giorni che non vado di corpo mi sembra il momento di fare una passeggiata fino alla farmacia Barbareschi. D'altronde devo solo attraversare un viale delimitato da 32 lampioni per lato, una ventina di minuti a piedi, visto che la mia macchina non sembra dare segni di vita.


A dire il vero, in tv ho visto di recente lo spot della supposta Eva Q, tutta bollicine e miracoli. La ragazza in questione si alza di mattina tutta imbronciata e gonfia, poi dopo l'inserimento di Eva, si mette a ballare con la scopa felice come in preda ad un raptus. Perciò mi domando se non sia giunto il momento di cambiare supposta. Ho sempre pensato alle bollicine associandole allo spumante e al disco di Vasco Rossi...


Così m'incammino verso la Farmacia Barbareschi... il titolare è un aitante quarantenne sempre disponibile e barbuto. Dopo una buona mezz'oretta di cammino mi accorgo con stupore di aver superato i 32 lampioni, 33, 34, 35... ma non erano 32? Getto un occhio al mio orologio da polso e (un classico) le lancette sono ferme ad angolo retto, quella dei secondi si muove con uno scatto ma è sempre lì ferma alle ore 6. È già da un'ora e mezza che cammino e di lampioni ne ho contati 77. Finchè riesco finalmente a intravedere l'insegna della farmacia Barbareschi.


Il titolare mi sembra invecchiato, forse in seguito a una brutta influenza il suo aspetto ha perso vigore. Comunque, veniamo al sodo, chiedo la mia solita scatola di supposte alla glicerina. <Purtoppo, signor Vincent, le supposte alla glicerina sono uscite dalla produzione cinque anni orsono, adesso ci sono le pistole all'acqua deossigenata con una goccia di miele di vespa>...<Miele di vespa? Non sapevo che le vespe facessero il miele> <Sì che lo fanno, in piccole quantità... e poi si è scoperto il suo potere lassativo eccezionale>.


<Mizzica... e le supposte Eva q? e poi, come hanno fatto a deossigenare l'acqua? Se non erro la sua formula è H2O... se va via l'ossigeno cosa resta? H2?> <Senta, Vincent, le bollicine lasciamole nello spumante e poi che ne so io di formule chimiche e cazzate varie? Lei ci vuole andare in bagno? Allora compri "Honey Miracle"> <Almeno mi dica come si usa...> <Basta spararsi una pistola nell'orifizio e dopo circa trenta secondi sentirà un bisogno irrefrenabile di andare alla toilette... e ora basta, non vede che sto lavorando?>


Honey Miracle... Rimasi di sasso nel constatare che la scatola conteneva solo 4 pistole e ammutolii nel constatare come il prezzo fosse una "fucilata", 44 euro e 88 centesimi. Comunque pagai di malavoglia e m'incamminai lungo i 77 lampioni, che al ritorno, come per magia, diventarono 79.
Feci per entrare a casa mia e... con grande stupore la mia casa era diventata la stazione ferroviaria intermedia del treno superveloce "Il serpente siciliano" che collegava Palermo con Catania in soli 3 minuti e 46 secondi, costruito con tecniche innovative sulla falsariga dello Shinkansen giapponese.

 

1
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2017 04:27
    IRONICAMENTE ECCEZIONALE.
    LIETA GIORNATA, VINCENZO.
    *****
  • silvia leuzzi il 15/01/2017 22:27
    Ahahahh divertente e molto ironica. Capisco che l'argomento è insolito, ma è proprio quello che lo rende originale. Bravo Vincent, surrealista ma molto realista ahahhhh ( comunque le supposte le fanno ancora AHHAHAHHHH per rimanere in tema )
  • Nico Iuliano il 15/01/2017 11:44
    Non te la prenderai a male se dico che è una storia di merda...

4 commenti:

  • Ferdinando il 15/01/2017 13:35
    Avevo letto la storia di vincent stamattina... e poi andando a controllare i commenti, diverse ore dopo, ho dimenticato (stolto si, c'è uno stolto) il contenuto e dunque frainteso il tuo commento, Nico. Pardon.
  • Nico Iuliano il 15/01/2017 13:26
    Te la chiamo ironia... ma non l'hai avuta... lascia stare...
  • Ferdinando il 15/01/2017 12:30
    Lá dove lo sguardo si ferma lo stolto giudica male... Iuliano, qui usiamo termini meno coloriti quando qualcosa non ci piace... almeno motiva la tua critica, non ti fermare al giudizio tranchant, troppo facile...
  • vincent corbo il 15/01/2017 12:26
    Confermo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0