accedi   |   crea nuovo account

L'uomo-Minotauro

Affascinante è il contrasto tra l'immobilità e la circolarità del creato e i nostri capricci di bambini viziati. Perchè perdere tempo prezioso (il nostro tempo!) a infrangere vetri già rotti? Le strade che la mente può percorrere sono infinite ma, inesorabilmente, si finisce col battere sempre i soliti sentieri aridi e affollati. Ci facciamo la guerra con gli sguardi, con le parole, con stupide competizioni, con l'avidità e la follia.


L'uomo è il Minotauro che, qualche rara volta, ritrova la pace interiore nel suo viaggio all'interno di se stesso e che respirando, vede trasformare le nuvole di vapore che gli fuoriescono dalle narici in cavalli bianchi alati. La trasformazione è l'avvenimento più significativo del percorso umano che si snoda tra immobilità e circolarità. Ne "I promessi sposi" ho sempre ammirato la figura dell'Innominato, capace di una trasformazione come poche in letteratura: l'umanità che ne traspare è disarmante! Nel preciso momento della trasformazione, l'uomo si eleva in una dimensione che forse gli è più consona, dalla brutalità e dai capricci ad una consapevolezza matura, persino illuminata.


Non è buonismo a tutti i costi, neanche un voler vivere seguendo le regole del buon senso, ma qualcosa che ci fa toccare con mano dimensioni nuove, un'esporazione sensoriale, diventare disponibili al dialogo perchè il linguaggio del creato ha voglia, necessità, urgenza di comunicare, di condividere. La parte più silenziosa dell'uomo-Minotauro ha bisogno di imparare un nuovo linguaggio, di esplorare nuove relazioni, di parlare delle circonvoluzioni delle sue corna, di spiegare i motivi della sua aggressività e finalmente trovare la chiave di volta che gli permetterà di entrare in sintonia con i granelli di sabbia della clessidra dell'Universo.


Intorno a me c'è gente insoddisfatta e forse anch'io lo sono. C'è gente alienata che cresce figli come fossero peluche colorati, che porta a spasso bestiole accudite come figli. Alcuni si gettano nel culto del proprio corpo, altri comprano un paio di scarpe costosissime solo per il gusto di dimostrare a se stessi di avere del coraggio da spendere. Tutti facciamo qualcosa che forse non è sufficiente. Io scrivo queste quattro righe sull'uomo-Minotauro che, probabilmente, non leggerà nessuno.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 20/04/2017 08:28
    UN SAGGIO DA RECEPIRE... C'È TROPPO DI DIVERSO NELLA DIVERSITA' DELL'UMANITA'.
    INTELLIGENTE ET OCULATO SEGUITATO.
    LIETA GIORNATA, VINCENZO.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0