PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rohmer, Truffaut, Garcia Lorca e altre stronzate

Lei rimase stupita che conoscessi "Il raggio verde". Non il libro di Verne ma il film di Rohmer, classe 1986.


"Non ho mai conosciuto un ragazzo che avesse visto Rohmer" mi disse con voce incantata. Lei era bionda, esile, con lunghi capelli sottili e due occhioni azzurrissimi. Cercava l'amore.

Il film è uno di quelli che non si dimentica. Parla di solitudine in una Parigi estiva svuotata e surreale. Poi, lei, mi confidò i suoi tormenti amorosi: era una donna fragile che, al suo interno, ardeva di un fuoco glaciale.

Mi disse che amava anche il cinema di Truffaut e, mentre lo diceva, i suoi occhi s'illuminavano di quel fuoco. Secondo te, gli chiesi, cosa cerca la rosa nella poesia omonima di Garcia Lorca? "L'amore" rispose di getto, sicura di sé.

Aveva studiato lettere, aveva scritto una poesia sulle pietre. La sua anima era simile a una pietra, e la mia di soffice ovatta.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 17/05/2017 11:39
    Importanti sono le magliette di quel film...
  • silvia leuzzi il 09/05/2017 19:09
    UNO SCHIZZO DI LETTERATURA, eccellente Vincent e poi la poesia del mitico Federico del Divan del Tamarit. Ciao davvero carino

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2017 09:49
    Un ponderato quanto magnifico seguitato, Vincent.
    Lieta giornata.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0