accedi   |   crea nuovo account

Smoking

Sono nervosa, mi accendo la prima sigaretta dopo un mese e mezzo. Non fumo, se non raramente, quando la vita mi sfugge di mano per un istante.
Il fumo bianco disegna figure affascinanti. Mi piace vedere come la cenere si forma sulla punta e poi cade, appena la scuoto con l'unghia.
Mi fa sentire calma, sotto controllo.

La sigaretta è a metà. Molti la chiamano paglia, ma a me non piace. il suono stesso della parola le da un significato distorto. Boh, miei piccoli pensieri insignificanti.
Adoro il primo tiro. Quanto quanto odio l'ultimo, che sa sempre una punta di filtro e di plastica.

Guardo il pacchetto e so benissimo che dopo l'ultimo tiro finirà direttamente nel cestino, con 9 sigarette ancora intatte. Mi fa semplicemente sentire bene per quei pochi minuti che intercorrono fra la fiammata dell'accendino e il gesto di gettare il mozzicone dal balcone.

Finisce tutto in una nuvola di fumo.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • vasily biserov il 20/09/2010 20:02
    paglia e ripeto paglia, a Bologna si dice così
    si fuma per pensare, riflettere, sognare e per scrivere... come hai fatto tu in questo caso!!
  • Vinter_ il 19/08/2008 16:29
    No, la paglia è la sigaretta.
  • Egon il 19/08/2008 15:20
    una paglia non è con la cocaina?
  • Matteo Bonino il 02/09/2007 14:18
    Direi "unostralcio di vita quotidiana"...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0