username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

GIULIA 4 Bis Pausa di riflessione

Alcune splendide persone, amiche del sottoscritto, in questo sito e nella vita comune, mi hanno chiesto di descrivere meglio e di più gli attori di questa storia.

Mi costa, sangue sudore e lacrime, ma cercherò di dare a tutti una immagine di Giulia più precisa.

Magra ma non anoressica, alta e slanciata, capelli di un nero corvino luminoso, volto ovale ma spigoloso, occhi, l’ho già detto incredibilmente belli, rotondi, con naturali borse sotto le palpebre, ha sempre portato i capelli tagliati alla maschietto, quasi alla paggetto, per dare un’idea assomigliava un po' a Milla Yovovich (presente il film Giovanna d’Arco?)

Il suo modo di fare era sempre, in qualsiasi circostanza, gentile ma deciso, forse toglierei gentile, ma no, era gentile anche quando ti mandava a cagare, perché, se lo faceva, era sicuramente lei ad aver ragione, ogni volta!

Vittorio amava chiamarla “diavoletto” e Giulia lo era davvero, un diavoletto scatenato, sempre pronta a smuovere le montagne se convinta che fosse la cosa giusta da fare, e poi, e poi aveva un modo tutto suo di prenderti le mani fra le sue e farti sentire importante. Un pochino scura di carnagione, appena esposta al sole s’abbronzava subito senza scottarsi, senza bisogno di creme e cremine, bastava proteggere gli occhi con adeguate lenti da sole, e poteva tranquillamente sembrare una indolente diva a passeggio, sottobraccio a Vittorio, sulla Croisette di Cannes.
(dove però non è mai andata, da Latina a Napoli, e da Napoli al cielo, questi sono stati i suoi viaggi.)

Vittorio, del quale ho indossato i panni perché non mi riesce di scrivere in terza persona, è un pezzo di pane, un fessacchione che ancora piange se ascolta I started a joke dei Bee Gees, è un vero gattone. Ma come i gatti, messo alle strette nell’angolo, ti salta addosso e ti sbrana. E’, per fortuna del mondo, una brava persona, e lui non è ateo, è agnostico, nel senso che non se ne po’ fregà de meno (come dice un nostro ottimo amico romano!) Ha dei precedenti politici molto ben radicati, è un libertario, un socialista puro e disincantato, lavora come psichiatra, ma è più il lavoro “pro-bono”
che fa come volontario, che quello per il quale riceve danaro; è scapolo impenitente, e la sua scusa è che non riuscirebbe, per quello che fa, a dedicare il giusto e doveroso tempo ad una compagna, e allora…. Allora saltella, da una storiella all’altra, sempre pronto a tagliare la corda!

Che dire di più? Sono persone che hanno incrociato la mia vita, reale o fantastica che sia, lasciando una profonda traccia, posso dire d’amore? Si, per me è una traccia d'amore!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 14/04/2008 16:54
    Sinceramente non volvevo leggere la descrizione dei personaggi mi piaceva immaginarli a modo mio o meglio immaginare ciò che penso per me sia bello.
    Cmq l'ho letta perchè fa parte della storia è non mi è dispiaciuta in fondo l'idea che mi ero fatta assomiglia molto alla descrizione
  • CLAUDIO CISCO il 12/04/2008 16:15
    interessante prosa ben scritta e molto significativa, brava davvero!
  • Anonimo il 29/09/2007 21:50
    Che forza questa bimba.
  • Maurizio Triolo il 29/05/2007 19:43
    Mi sembra che i tuoi dubbi iniziali siano svaniti, continua e ciao.
  • Anonimo il 24/05/2007 15:56
    Di nuovo complimenti... Un Bacio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0