PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

racconti virtuali

Per caso una sera, ricevere un messaggio che raccontava tutto di me: così è cominciata l'amicizia con un tocco dato dalla befana e forse un amore, il più importante, avrebbe potuto crescere come un dente di leone che cerca di farsi strada sull’asfalto di città. Così fu il principio, con un breve scambio di parole in una Chat per cuori solitari dove nessuno per abitudine si aspetta nulla e dove non si chiede nulla giacché la distanza a volte è un nemico amico che rende grati quei brevi momenti in cui poter tirare un po’ il fiato.
“Mi piacerebbe molto stupirti... e ricordandoti che hai a che fare con un informatico ^_^ uno di quelli stile CSI... (ovviamente scherzo!) non ti sorprenderai se ti chiamo per nome... tra l'altro molto bello... Emanuela. Lungi da me dal spaventarti... volevo solo trovare un modo originale per invogliarti a fare due chiacchiere con me…. cosa ne pensi? Ah, dimenticavo…. sei nata di domenica ^_^.” E già, ero proprio nata una bella sera di una domenica di ottobre ma come faceva a saperlo? Nel dubbio, dato il mio cocente pessimismo, temevo di essere involontariamente incappata in uno di quei famosi hacker che infestano tanto affettuosamente il web e con tono minaccioso avevo replicato: “Se sei un Hacker non ti conviene mandarmi nei casini il computer dell’università, mi serve ancora!”. Ho sempre adorato le persone che usano le proprie carte migliori per colpire l’altrui attenzione, barzellette ed effetto sorpresa, stupire e lasciarsi sorprendere dalla varietà dei comportamenti, dall’altalena di umori e impulsi che possono esplodere in qualsiasi istante fuori e dentro se stessi. Per tutta la sera era proseguito il dialogo ridendo e scambiandoci opinioni su università, uomini-donne, problemi di informatica finché i sorveglianti non mi avevano quasi cacciato dall’aula visto che stavano per chiudere l’edificio. Ed in extremis, l’asso nella manica: ottenere il tuo indirizzo mail……
Un torrente di montagna nasce spesso come un piccolo rigagnolo e poi proseguendo nella sua corsa si ingrossa sempre più, diviene più potente e profondo magari infine gettandosi in un fiume. Già, in me sentivo il bisogno di comprensione, non compassione, cercavo una sferzata di energia, adrenalina pura e una ritrovata fiducia, il non pensare di essere una cosa nata per caso in questo mondo. Se ti cercavo, c’eri; se talvolta ti evitavo tu non demordevi, paziente spesso mi hai detto: “ Sfogati, dopo andrà meglio” quelle volte in cui mi sembrava di essere un puzzle sparso per terra. Mille pensieri e ricordi affiorano alla mente ora che non ci parliamo più: niente, sms, niente mail, niente telefonate, banditi i tentativi di ritrovarsi per caso nella stessa finestra di dialogo e forse sono un po’ più vuote le rispettive serate. Errare è umano e perseverare è diabolico, ma pensi che valga anche fra me e te?

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Massimo Bianco il 14/10/2012 21:10
    Versione valida come recensione e non come semplice commento: La scrittura fila, alcune frasi sono azzeccate. La storia però risulta del tutto inconcludente. Non c'è una trama che fila, non si sa dove i due personaggii vadano a parare, sembra che il testo voglia criticare i rapporti via internet, ma non esplica a sufficienza. alla fine si dice che i due non si parlano più, il perchè, però, in definitiva non si sa. Sì, ben scritto ma inconcludente.

4 commenti:

  • Massimo Bianco il 14/10/2012 21:07
    La scrittura fila, alcune frasi sono azzeccate. La storia però risulta del tutto inconcludente. Non c'è una trama che fila, non si sa dove i due personaggii vadano a parare, sembra che il testo voglia criticare i rapporti via internet, ma non esplica a sufficienza. alla fine si dice che i due non si parlano più, il perchè, però, in definitiva non si sa. Sì, ben scritto ma inconcludente.
  • elio roberto rinaldi il 06/09/2009 23:24
    ok
  • Emanuela Lazzaro il 17/08/2008 10:54
    questo delirante soliloquio è in realtà un messaggio in bottiglia che avevo inviato ad una persona... Dopo averlo letto praticamente non ci siamo più sentiti manco per sbaglio,... va beh mi sa che abbastanza tragica la cosa...
  • Aldo Occhipinti il 16/08/2008 19:26
    Storie di incontri moderni - dialoghi nati dal nulla tra persone che non si conoscono... in questo raccontino incornici bene l'argomento, brava. Non manca qualche spunto poetico carino come la similitudine del "torrente di montagna che ingrossa" e sopratutto la figura dell'amore che "come un dente di leone" "cerca di farsi strada sull’asfalto di città" - ardita ma bella, davvero! Il pathos finale - la fiducia e la comprensione - trovate nel delirante web, non si giustificano, così: da sole; Vi sarete pur visti, no? Diviene un dialogo con te stessa (o col to personmanaggio) rivelaci qualcosa di più... bhe, in definitiva: un bel raccontino agile e "frizzante" come dice drewien e con punte di poesia, non "ermetica e misteriosa" come la poesia "ufficiale" della sua autrice. Lei non crede?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0