PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

GLUP

Glup, di nuovo glup e ancora una volta glup. Questo è il rumore che fanno le piccole rane verdi di un piccolo stagno di un altrettanto piccolo paese qual è il mio quando sentono che qualcosa si sta avvicinando. Glup. Ora sono tutte nascoste, hanno la vaga sensazione che qualcosa di grande lambisca le sponde del loro territorio. Solo una è rimasta di vedetta e con un po' di paura emette un insicuro crack, ma anche quest'ultima sentinella verde fa glup, sparendo completamente sott'acqua. Nessuna osa più fare glup e nemmeno crack: è arrivata l'estate.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 24/02/2008 11:50
    Simpatico bello è reale nella sua semplicità! Un'innagine che popola anche i miei ricordi d'infazia quado si correva a spiare le rane o le lucertole!!!! Grazie per aver condiviso con noi quest'immagine!
  • Umberto Briacco il 02/06/2007 18:41
    Un po' troppo breve. Pensa se quell'utimo glup fosse fatto davanti ad una ruspache spiana il laghetto e ci mette un pilone d'autostrada. Infatti non capisco perche le rane non osino più rumoreggiare davanti all'estate.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0