PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nelle pieghe del tempo

Nel tramonto di agosto le nubi blu sono pesanti drappeggi sullo sfondo pallido del cielo.
Raggiungo a piedi la bottega di Sereno, dove vengo spesso a fare la spesa.
La bottega è piena zeppa e si può trovare di tutto. Dai ganci avvitati al soffitto pendono scope, setacci, pentole. I banchi sono stracolmi di mercanzia. Il pavimento è ingombro con scaldaletti, ferri da camino, trappole per topi, sacchi di fagioli.
Il proprietario è un uomo grasso e sorridente che gestisce da molti anni questo bazar. Dopo che ho comprato alcuni articoli, lo saluto ed esco fuori.
Il tramonto è uno spumeggiare di nubi rosate e vaporose. È una sera divina, fatta per i poeti e per gli amanti.
Lentamente cammino lungo i porticati in penombra, sfiorando porte chiuse. Una ragazza magra cuce seduta sulla porta. É bella e triste. Ha i capelli lisci, lunghissimi e indossa un vestito nero con guarnizioni di pizzo bianco.
Sotto i portici c'è silenzio, ombra, muffa e umidità. Io provo sofferenza poiché qui sento lo scorrere del tempo. Quando si avvicina l'autunno i ricordi diventano coltelli con le lunghe lame. Penso all'inverno, alla vecchiaia, alla morte. E mi chiedo che cosa ho sbagliato nel gioco della Vita.
La ragazza si chiama Mara e tutte le volte che passo di lì rimango un po' a parlare con lei. È una ragazza solitaria, introversa, senza nessuna amica. È un mondo chiuso, fatto di sofferenza e dolcezza.
Quando le sono vicino, la guardo mentre cuce con l'ago. È bella come il primo e perduto amore. Una scopa di saggina sta appoggiata al muro. Nel cielo del tramonto ci sono nubi viola orlate di fiamme con dietro focolai incandescenti.
Provo ansia mentre incomincio a parlare:
"Finalmente ti ho ritrovata, anche se solo per poco. La strada che porta a te è lunga, tortuosa e sembra non finire mai".
Mi fermo di parlare con un senso di vuoto e di soffocamento. La ragazza si ferma di cucire e resta ad ascoltarmi.
"Perdonami." le dico sottovoce.
Passa un vecchio curvo come una biscia. Il cielo adesso ha squarci, fessure, fori da cui piovono sciabolate di luce.
"Perdonami, per tutte le cose che non ti ho dato, per tutte le promesse che non ho mantenuto. Per tutto il tempo passato, per le vite sprecate ".
Faccio ancora una pausa prima di riprendere a parlare:
"Per questo dovrò amarti senza averti, dovrò adorarti senza possederti finché si ripresenterà l'occasione e allora non mi ritirerò e manterrò il mio impegno ".
Nel cielo ormai celeste pallido indugiano nubi lunghe, sottili come aghi.
Per la prima volta la ragazza alza gli occhi dal lavoro. Guardare in fondo ai suoi occhi è come guardare in fondo a un abisso. Vedo tante cose dentro al suo sguardo: la promessa di portarmi dentro ai labirinti e ai misteri dell'amore; ma anche malinconia e un vago senso si disperazione.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • cesare massaini il 14/04/2013 22:00
    ammirevole e ben dettagliato, mi è piaciuta l'atmosfera che sei riuscito a trasmettere
  • Assunta Baldi il 26/12/2011 08:47
    Bello, mi hai fatto sognare per un momento, grazie.
  • sergio bissoli il 31/03/2008 10:28
    Grazie è così. Nell'amore per mec'è una grande malinconia, così come nella Natura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0