accedi   |   crea nuovo account

Arlecchino

A volte mi diverto ad osservare, nelle mattine dei giorni di festa, tutti coloro che vanno dove non so e vengono da chissà dove. Vanno veloci, quando invece potrebbero fermarsi solo un istante a contemplare i colori che li attorniano. Ove non fossero colori vivi c’è sempre il cielo a cui rivolgersi con lo sguardo. I più non sarebbero capaci di accorgersi del più cromatico degli arcobaleni. E se il cielo fosse nuvolo? Diamo loro questa possibile opzione. Se il cielo fosse nuvolo ci sono comunque le persone. Come io le guardo, anche loro potrebbero rivolgermi attenzioni, se non altro per curiosità. In effetti, nei giorni di festa mi vesto da Arlecchino, così da voler catturare, non essendo carnevale, l’attenzione dei viandanti: nulla, nessuna reazione. Allora mi chiedo, a volte urlo: “Cosa devo fare per farvi fermare un attimo”. Un attimo, un solo attimo, il tempo di un sorriso e i miei colori rinvigorirebbero di nuova luce. E mi chiedo ancora,  e ancora urlo:”Se andate così di fretta oggi, cosa farete domani?”. Il giorno dopo si torna al lavoro, e dunque il calpestio dei marciapiedi aumenterà in maniera direttamente proporzionale alla velocità dei passi. Il giorno dopo il dì di festa tutti si acciaccano incuranti. La cosa buffa - anche se la definirei sconsolante - è che nemmeno se ne accorgono, arrivano in ufficio pieni di pedate, ma in tempo. In tempo, dunque, si timbra il cartellino, si lavora - si produce e si consuma - , si torna a casa e poi daccapo fino al nuovo giorno di festa. Non tutti, sia chiaro. Ci sono spiriti folletti, infatti, dimoranti in corpi di uomini, che se ne fregano del tempo che scorre, osservano i colori, ascoltano i canti del vento e degli uccelli, si fermano a conversare con un musicante-mendicante e, più che mai sorpresi, guardano me vestito da Arlecchino.

(Inverno 2003)

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0