PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

l' avversario

Wilfred era un uomo che prendeva la vita di corsa, freneticamente e che non si concedeva mai un attimo di respiro, un attimo per pensare: spinto infatti da un impulso irrrefrenabile all' azione, faceva sempre in modo che ogni singolo istante del suo tempo venisse ottimizzato e non restasse così spazio, nella routine ben organizzata dei suoi efficentissimi giorni, all' ozio  o al relax parole che aborriva. Un giorno, mentre era seduto alla scrivania a rivedere alcuni documenti(erano quasi le due del mattino ma come al solito non se ne curava) uno strano essere gli si materializzò inaspetatamente davanti, un tizio dalla faccia ingenua, quasi da bonaccione ma  anche dallo sguardo singolarmente  penetrante, che incuoteva soggezione.:-chi sei?- gli chiese Wilfred, senza scomporsi minimamente:-sono il tempo... anzi, più precisamente quello della tua vita-dichiarò l' altro, soave:-sono venuto per chiederti una cosa... posso?-:-dimmi pure-lo esortò Wilfred leggermente più sconcertato:-ti ascolto-:-come mai vai tanto di fretta?-chiese allora il tempo, incuriosito:-perchè non ti fermi mai?-imbarazzato da quella domanda così diretta Wilfred tacque per qualche istante, poi rispose cauto:- perchè, semplicemente, non intendo  farmi lasciare indietro da te.. per questo! perchè voglio avere il  controllo... non mi va di invecchiare in un attimo, senza riuscire neppure a capire quand' è successo, com' è accaduto già a molti... troppi!-:-io- concluse con fierezza:- voglio essere padrone del mio tempo... voglio tenere in pugno la situazione-_
:-E così-replicò il tempo, compassionevole:-se ho capito bene in poche parole vorresti... vincermi?-:-esatto-rispose l' uomo, deciso.:-ma caro mio!!- sbottò il tempo, corrugando contrito la fronte:- non capisci che con tutta questa fretta che hai mi metti ansia e mi stai costringendo a correre molto più velocemente di quanto in realtà vorrei? perchè, vedi, tutto questo tuo inseguirmi, questo tuo starmi costantemente alle calcagna mi agita così tanto che per sfuggirti accellero ogni giorno di più i miei passi e tu neppure te ne accorgi! e dimmi...- concluse con un debole, affranto sorriso:-cosa ci avrai guadagnato quando, domani, saremo entambi già prossimi al traguardo?-.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giulio il 26/09/2014 07:43
    molto forte!!! singolare ed originale
  • carmela arpino il 15/06/2007 12:04
    cara mar buzzati è uno dei miei autori preferiti! per quanto riguarda la fretta hai ragione... scrivo di getto, in dieci minuti e non rivedo il mio lavoro... so che è un errore ma ho la tendenza ad essere un po' superficiale! ciao e grazie
  • Margherita Ghirardi il 14/06/2007 19:04
    qualche spunto buono c'è, dovresti lavorarci di più.
    L'idea è giusta, ma il racconto sembra scritto di fretta... prova a risistemarlo potresti trarne qualcosa di veramente veramente carino.
    Nel senso di fuga e inseguimento ricorda vagamente il Colombre di Buzzati, lo hai mai letto?
    comunque brava...
  • Leonardo Colombi il 13/06/2007 22:55
    Ciao! Un testo breve e conciso ma che comunque offre qualche buono spunto. Non l'ho trovato irresistibile, a dire il vero, forse anche per com'è visualizzato.
    La riflessione che lanci sul modo di vivere, sul quotidiano affannarsi è più che giusta. E mi ci riconosco, non esattamente come il tuo Wilfred, ma nel tentare di portar avati troppe cose senza comprendere che anche l'ozio ed il riposto sono necessari alla vita. Fondamentali, certe volte. Surreale e un po' inquietante il finale. Forse è anche per quel motivo (la rivelazione del finale, intendo) che non ci è dato sapere quanto tempo abbiamo a disposizione. È necessario sapere di avere sempre altro tempo, o no?
    Alla prossima!