accedi   |   crea nuovo account

Il mio ricordo più bello

Ricordo ancora come se fosse ieri il giorno in cui sei entrato a far parte della mia vita.
All’epoca non ero altro che una giovane ragazza di 16 anni a cui non interessava altro che leggere, era così che passavo ogni minuto libero della mia intensa giornata da studente. Poi sei arrivato tu, di quattro anni più vecchio, bello, intelligente e spigliato, mi hai subito rapito il cuore e la mente.
Ricordo quel giorno con nostalgia. Eri venuto a casa nostra per lavorare ad un progetto universitario con mio fratello. Io ero rinchiusa nella mia stanza a leggere l’ennesimo libro, m’infastidiva avere degli estranei per casa. Ero talmente immersa nella mia lettura che non mi accorsi nemmeno che qualcuno aveva aperto la porta e mi stava osservando. Mi ero seduta a terra, come facevo spesso, e tu mi fissavi senza dire una parola. Fu la voce di mio fratello che ti chiamava che mi fece alzare gli occhi e guardare verso di te.
Eri li, i capelli castani scompigliati e gli occhiali malamente appoggiati a metà naso. Indossavi dei jeans sdruciti e una polo. Lessi nei tuoi occhi interesse e stupore, come se stessi guardando un essere strano, come se per te fossi una sorta di alieno. Mi persi subito nei tuoi meravigliosi occhi verdi, così intensi e vivaci.
Dopo un lungo minuto di silenzio finalmente mi decisi a parlare
“Ciao” dissi bruscamente, non so perché infastidita dal fatto che non avevi bussato o per il turbamento che sentivo guardandoti “A casa tua non si bussa mai prima di entrare nelle stanze degli altri?”
Il tuo sguardo mutò velocemente e da stupito divenne cupo “Scusa” mi dicesti con tono seccato “Pensavo che questo fosse il bagno”.
In quel momento, quasi a voler salvare la situazione arrivò mio fratello che t’intimò di non darmi retta e ti mostro dov’era il bagno. Nel chiudere la porta potei ascoltare qualche stralcio della vostra conversazione, mio fratello che ti diceva “Non devi farci caso a mia sorella, vedi lei è come la panna scaduta: acida” e tu gli risposi ridendo sonoramente “Si, l’avevo notato”.
Quel giorno mi ritrovai a piangere per quelle parole, sapevo di non essere molto brava ad aprirmi con gli altri, ma ciò era dovuto all’eccessiva timidezza e non per una sicurezza ospentata.
Fu così che cominciasti a frequentare assiduamente casa mia, spesso ti fermavi a cena con noi, intrattenendo tutti con la tua simpatia. Tu non mi guardavi nemmeno, ti comportavi come se io non esistessi davvero, come se fossi solo l’ennesimo mobile della stanza. Mentre io mi accontentavo di osservarti e ascoltare la tua meravigliosa voce.
Un giorno mentre rientravo da scuola t’incontrai, stavi venendo a casa nostra per studiare, facemmo la strada insieme, senza mai scambiarci la parola solo scambiandoci qualche sguardo. Poi giunti a casa, come sempre le nostre strade si divisero tu con mio fratello, io nella mia stanza.
Tutto successe una notte in cui tu ti eri fermato a dormire a casa nostra. C’era un forte temporale e io giacevo nel letto sveglia e impaurita. Sentii la porta aprirsi e qualcuno entrare. Non dissi niente, non so per quale motivo, ma rimasi in silenzio fingendo di dormire. Ti sentii avvicinare e sederti sul mio letto, un lampo illuminò la stanza e mi permise di vedere il tuo volto teso. Rimasi con gli occhi chiusi aspettando la tua prossima mossa. Ero certa che ti eri intrufolato in camera mia per farmi qualche dispetto, invece ti chinasti sul mio volto e mi baciasti delicatamente sulle labbra. Durò solo pochi secondi, ma a me parve un eternità, sentivo le tue labbra morbide appoggiate alle mie e il calore del tuo corpo. Non so per quale motivo continuai a far finta di dormire, ma rimasi immobile quando tu, dopo avermi accarezzato la testa, te ne andasti.

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • clem ros il 18/05/2010 09:28
    molto bella e intensa... ma perchè non l'hai cercato?
  • giuliana marinetti il 10/01/2010 17:29
    Tenero ricordo. Quel casto bacio e una lieve carezza penso che quella faciulla lo terrà per sempre nel cuore.
    Se quella notte fosse andata differentemente,
    propabilmente ora l'avrebbe dimenticato.
    A volte la purezza d'un gesto, la docezza d'un istante, può rimanere per sempre impressa
    nel cuore e nella mente.
  • Anonimo il 28/11/2009 16:53
    triste.. ma bella!
  • nemo numan il 17/12/2008 23:07
    molto bella
  • roberto cafiero il 30/09/2008 21:14
    nostalgica
  • Ugo Mastrogiovanni il 13/01/2008 15:20
    Lo stile piano e dal racconto accattivante, si coniuga con un piacevole e non facile rigore giovanile, lontano da quella fastidiosa passione, che sono solito trovare in ogni riga e angolo di foglio stampato. Accurato e ben documentato l’evento, riportato con sincerità ed esemplare vigore, proprio della giovinezza.
  • Claudio Amicucci il 03/09/2007 23:11
    Quanto sono belli i baci rubati, da entrambe le parti! Hai un buono stile, tranquillo, soprattutto in un buon italiano ben scritto. Ciao Claudio e... benvenuta nel sito.