username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

D. O. C. 2 (Con gli occhi di Mara)

Mi sono sforzata, ho provato, ma anche oggi non sono riuscita a trovare i tempi giusti, il rapporto corretto col mondo normale.
È come se - riemergendo dal solito sonno di superficie, l’unico che riesco a raggiungere - dopo un’altra notte trascorsa dapprima a sistemare decine e decine di volte i flaconi dei vari prodotti per l’igiene personale fino a quando la loro disposizione non soddisfa i miei rigorosi criteri; poi insaponandomi metodicamente fino a quando la schiuma non nasconde il mio corpo almeno in parte alla mia vista, ed infine cercando una disposizione inappuntabile delle lenzuola e delle coperte, in maniera che mi ricoprano con sublime precisione, non lasciando fuori nulla di me, nulla della mia persona che possa restare esposto a ciò che di notte aleggia sulla mia mente, il tempo speso in questa febbricitante attività mi abbia mandato fuori sincrono rispetto agli altri, come un film in cui le immagini scorrono con tempi diversi rispetto al sonoro, e mi concede solo due o tre ore di riposo malsano.
Per fortuna Gianni ha il sonno molto pesante, ma in queste condizioni riposare realmente è quasi impossibile, anche perché, per soddisfare le mie necessità, devo anche lasciare la luce accesa, e questo non contribuisce affatto a farlo realmente dormire.
Anche adesso, mentre sono qui in bagno ed ho già ricominciato ad eseguire quella sfilza di gesti obbligati e nocivi dai quali non riesco ad affrancarmi e che anzi, continuano ad aumentare in numero e difficoltà esecutiva, mentre non riesco a smettere di lavarmi, e lavarmi, e lavarmi, e lavarmi ancora le mani, so che di là Gianni stà camminando sul vetro, nervoso ed irritato per il ritardo che sta già accumulandosi sul suo ruolino di marcia giornaliero, e sta pensando alle frecciatine idiote di Terenzi e dei colleghi, alle battutine furbe su quella moglie dalle braccia pallide, eppure non riesco a smettere, non riesco a vincere, non riesco, non riesco……ed il rimorso per la vita a cui condanno Gianni e Lorenzo mi sventra da dentro, si forma come gelido ammasso canceroso nello stomaco e poi deflagra dilaniandomi, ma lo stesso non riesco.
In cucina devo sporgermi per forza per prendere il bicchiere, non posso rischiare di toccare né il lavello né le altre stoviglie, sarebbe la fine, e faccio colazione ingozzandomi sperando di recuperare qualche secondo per Gianni.
In effetti il Professor Mari ha indovinato subito la causa sostanziale di questi miei disturbi del comportamento individuandola nel mio rapporto con mio padre, ma neanche lui ha ancora intuito come e quanto egli abbia profondamente inquinato la mia esistenza, come micidiale sostanza tossica che avvelena irrimediabilmente una falda acquifera originariamente purissima.
Neanche lui, pur con tutti i suoi studi, può o potrà mai comprendere come il suo generale astio verso gli altri, la sua delusione per quella quarta figlia femmina che lo ha definitivamente privato di un erede, il suo disprezzo per la mia sessualità di donna e le sue manifestazioni, anche le più innocenti, quel senso di lercio che mi ha costretto ad associare loro, ha prodotto in me un desiderio di autoflagellazione e contemporaneamente di purificazione mentale sublimata nell’uso maniacale dei detergenti, nel rifiuto di toccare qualcosa che lui ha sfiorato anche solo per ipotesi, (Gianni ancora non conosceva la situazione quando lo chiamò a mia insaputa per sostituire il flessibile del lavello), persino nell’impossibilità fisica di percorrere strade che lui ha calpestato, entrare in negozi dove lui ha acquistato, comprare prodotti di una marca da lui usata.

12

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • francesco gallina il 30/06/2007 22:22
    Grazie.
  • Stella La Rosa il 30/06/2007 18:28
    Lavoro ottimo. Ben scritto. Nulla di più di questo scritto si avvicina alla realtà di chi è consapevole della prigione in cui è rinchiuso, ed è incapace di evaderne.
  • francesco gallina il 29/06/2007 08:10
    Un altro commento sostanzialmente positivo da parte di una donna. Parliamoci chiaro... sarei stata una donna magnifica
  • francesco gallina il 27/06/2007 21:31
    Come ti ho scritto in privato molte donne mi hanno scritto per dirmi che sembrava scritto da una donna, ad un uomo può sembrare più lento xchè le donne sono più analitiche di noi, mi sembra una ulteriore conferma di "essere stato donna" in maniera dignitosa.
  • Umberto Briacco il 27/06/2007 18:11
    Foerse un po' meno libero di DOC. Come dicono nell'altro commento è difficile per un uomo entrare nella testa di una donna e scriverne, temo che la difficoltà abbia influito sullo stile che risulta più affaticato, lento, pesante. Comunque un gran bel racconto, scritto bene, ma mi e piaciuto di più DOC. sette
  • francesco gallina il 26/06/2007 21:04
    Ti ringrazio molto Giuliana, mi interessava sapereda una donna se scrivere calandomi nella testa e nei pensieri di una donna mi era riuscito, dato che credo sia incredibilmente difficoltoso per un uomo farlo maniera credibile. Sono contento dell'impressione che ti ho fatto, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0