username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

IL temporale

Vivevano in una graziosa villetta un bambino di nome Kevin, di sette anni, e Giulia di quattro.
Dei due fratellini, Kevin, era appassionato di mostri. Nella cameretta che divideva con sua sorella, aveva ogni genere di esemplare fatto di gomma. Un mattino Kevin era in classe e durante la ricreazione, indossò una maschera orrenda e si andò a nascondere in bagno per mettere paura ai più fifoni. Soprattutto alle bambine.
Difatti poco dopo, arrivò la sua fidanzatina di nome Sindy con la sua amica del cuore. Parlavano tra di loro così accanitamene da non accorgersi che le attendeva un brutto scherzo. In verità, Kevin non sapeva che dall'altro lato della porta c'era anche la sua amata. Quando le bimbe si chiusero in bagno, Kevin salì sulla tazza del water e con indosso quella maschera orribile sbucò dal muro dove c'erano le bimbe. Le spaventò talmente tanto che, le poverine si misero a correre in preda al panico. Quando il bimbo si accorse che una delle vittime era la sua Sindy, si tolse la maschera e correndogli dietro la raggiunse per scusarsi.
Ma fu tutto inutile, perché Sindy promise di non rivolgergli mai più la parola.
Kevin col passare del tempo tentò di farsi perdonare in mille modi ma, senza risultato. Così decise di farle un regalo un po’ più impegnativo. Il mattino seguente si presentò in classe con un ciondolo a forma di cuore e lo mise sul banco di Sindy.
Questo ciondolo non lo aveva comprato. Ma rubato alla sua sorellina che, gelosamente lo custodiva in uno scrigno. Era un regalo avuto dal suo filarino di nome Eric.
Nemmeno con questo dono ottenne il perdono della sua amata che, non solo rifiutò il ciondolo ma gli disse, che doveva lasciarla in pace una volta per tutte.
Avvenne ancora un altro episodio spiacente che complicò la nostra storia. Oserei dire, in modo preoccupante.
Quando il mattino seguente Kevin rimise a posto il ciondolo, vide che sul pavimento c'era la sua figurina preferita. Avendo intuito che sua sorella poteva averla presa per giocare, si arrabbiò molto e andò tutto infuriato dalla bimba che stava preparandosi per andare a scuola.
Kevin disse: "Perché hai preso la mia figurina dei mostri?".
"E tu?", rispose la bimba: "ridammi il mio ciondolo!".
"Come fai a sapere del ciondolo?" chiede meravigliato Kevin.
"Ti ho visto mentre me lo hai rubato", risponde stizzita la sorellina "e per dispetto io ho preso la tua figurina".
"Si ma adesso il tuo ciondolo è di nuovo al suo posto", risponde Kevin.
Giulia ribatte: "Non ci credo. Vado a controllare!".
Così i due bambini risalirono nella loro cameretta e lei, vedendo che il fratellino non gli aveva mentito, gli rivelò un segreto importante che riguardava Sindy.

1234

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ivan Bui il 06/07/2009 12:25
    Un bravissima di Gozzi, vale un... oscar, é uno degli scrittori più bravi del sito. Mi é piaciuto molto il racconto, tornerò a rileggerlo perchè ho l'impressione di essermi perso... qualcosa.
  • sara rota il 06/07/2007 20:12
    Bello questo racconto... Anche io mi spavento ancora quando giunge il temporale, sarà perchè da piccola ho quasi rischiato di essere colpita da un fulmine...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0