accedi   |   crea nuovo account

... io mi sono innamorato di me...

IO MI SONO INNAMORATO DI ME
“Non riesco più a vederla, non vedo quella dannata immagine riflessa. Narciso, dove sei Narciso?
Le acque di questo fiume sono limacciose e odorano di morte come il luogo dove conducono. Lei non mi ha seguito, IO l’avrei amata fino alla morte, lei no, lei non mi ha seguito in questo cammino tortuoso, mi ha abbandonato qui, lei è ancora lì nelle acque limpide di quel fiume dove chiunque potrà ammirarla in eterno. Raggiungimi nell’Ade, raggiungimi e dammi pace, donami la pace e l’amore che io non ho saputo rendere a chi me lo chiedeva. Amavo me stesso, sì, amavo me stesso e ho mascherato l’ombra di questo amore impossibile in amore per la mia immagine, immagine e vita, unica consigliera, unica porta aperta per i miei pensieri. Chissà se ora piangi lassù per avermi perso; chissà se hai pianto, chissà se piangi ancora. Chissà se verrai qui a consolarmi, chissà se avrai il coraggio anche tu di guardarmi e di vedere che siamo uguali. E fra ciò che ci somiglia e ciò che non ci somiglia si può non amare il somigliante? Comincia a vedersi qualche volto in lontananza, qualche corpo sopraffatto dalla disperazione, dalla dimenticanza. NO! Diverrò anche io come loro presto e con me anche tu, lì dalle lontane rive. Invecchierai, appassirai. Amore per la bellezza, mancanza di amore vero, complice ingenuità, perché ti amo? Non c’è più luce, se volessi, non potrei più vederti.”

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 29/07/2007 05:50
    davvero intenso, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0