username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Aisha 8 la piccola Aisha

“La stiamo perdendo, la stiamo perdendo, cazzo!” Nonostante mi abbiano fatto rimanere fuori dalla sala di rianimazione, sento lo stesso le rabbiose grida del medico che sta cercando di salvare la vita di Francesca.
Tutto è successo tre ore fa, Cesca ha voluto per forza andare lei a fare la spesa, io ho insistito più volte, ma non sono riuscito a farle cambiare idea; così, io sono rimasto in casa, stereo acceso a tutto volume, a sistemare un po’ di conti, bollette da pagare, ricevute da registrare, estratto conto da controllare, insomma le cose che si rimandano sempre e si fanno sempre con una noia e una non passione infinita; e Cesca; rotonda e colorata come una barbabietola, (come si arrabbia quando la chiamo così), è scesa per le compere quotidiane, (e sicuramente perchè le è venuta voglia di qualcosa di impossibile! È cosi fin dall’inizio della gravidanza).
Solite botteghe, solito marciapiede, ma oggi c’è qualcosa di nuovo, due bastardi in vespa che cercano di fare uno “scippo” a Cesca, la quale, stupidamente, ma istintivamente, reagisce e stringe fortemente la sua borsa. Strattonata, cade a terra ed urta violentemente la testa sul bordo del marciapiede, non contenti di ciò, uno dei due, sceso dal motorino la prende a calci e solo dopo essersi impossessato della borsa la lascia stare.
I negozianti che hanno assistito, inermi, alla scena, la soccorrono immediatamente, strilla di rabbia, invettive contro i malavitosi, l’arrivo in pochi minuti (stranamente) dell’ambulanza, la corsa all’ospedale. Il fornaio, che mi conosce da sempre, mi viene a bussare al citofono, e con parole confuse mi racconta tutto; mi precipito giù che l’ambulanza è già partita, prendo un taxi ed eccomi qui.
Il biiiiip, biiiiip, delle macchine che monitorizzano la mia piccola Fran è l’unico segno che è ancora viva. Circa due ore dopo, a fine dell’intervento col quale le hanno ridotto ed assorbito l’ematoma cerebrale, il medico vien fuori e mi fa: “sua figlia se la caverà, sarà lunga la riabilitazione, ma non resteranno conseguenze di nessun genere, il fatto grave è che ha avuto un aborto, e la bambina era troppo piccola per avere speranza di sopravvivenza in incubatrice, mi dispiace, ma ho dovuto certificarne il decesso.”
Non sto li a spiegare all’imbarazzato chirurgo che Cesca non è mia figlia, bensì la mia vita, e fra le lacrime, che da sempre caratterizzano la mia esistenza, resto seduto su di una ridicola sedia azzurra, con un piede zoppo, che urta terra ad ogni mio singhiozzo. Toc, toc, toc, sembra quasi il rumore della mia vita che se ne va.
Quasi un anno dopo questi avvenimenti, siamo seduti in cucina, Cesca ed io, ci teniamo la mano; lei ancora non ha recuperato per intero l’uso della parola e talvolta, imbarazzata, ha ancora problemi di afasia. Stiamo guardando il cielo, al tramonto, e lì, subito a sinistra di Venere c’è da un poco una nuova piccola stella, c’è nostra figlia, che abbiamo deciso di chiamare Aisha!
Per Aisha e tutti i fiori mai nati, irrigati dalle mie lacrime!

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 10/05/2008 19:39
    com'è triste... certo che la fine è avvincente... ma mamma mia che colpo di scena finale.
    Cmq il testo è scritto scorrevole e chiaro. si legge tutto d'un fiato... sospeso, ma cmq di un fiato
  • luigi deluca il 29/09/2007 21:03
    Per la gioia dei fans di Cesca e PDL, ho pronti altri 6 episodi della vita di questi personaggi, dove ne vedremo delle belle! A giorni comincerò a pubblicarli, grazie di cuore a tutti quelli che fra le righe, sanno leggere di me, dei miei sogni, della mia vita! gigi
  • Maria Lupo il 26/09/2007 12:27
    Sono sempre tristi i tuoi racconti eppure esprimono, in fondo, un'intensa gioia di vivere.
  • simona bertocchi il 29/07/2007 11:38
    Luigi è poesia! Non parlo di versi, intendo la poesia di vivere, quella che entra dentro, che smuove forte cuore e pensieri, che fa entrare aria fresca e rende tutto più puro. Luigi ha un tecnica semplice ma usa aggettivi e immagini che incidono e lasciano il segno. Non cade mai nel patetico, neppure quando descrive la disperazione più totale; quando lo si legge si intravede sempre a speranza e la fede.
    Luigi è un uomo semplice e un poeta nell'anima. Con tutta la mia ammirazione per questo splendido racconto.
    Simona
  • Angela Maria Tiberi il 29/07/2007 10:17
    Non perdete la speranza.
    La vita è futile e a volte si combatte per nulla d'importanza. La giustizia ci sarà e la resurrezzione nel regno di Dio ci sarà. Questa è la luce della mia fede che guida il mio cammino. vi sto vicino, con tanta stima. Angela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0