username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

pozzanghere

Niente miracoli piovono per le mie lacrime, né in cielo né in terra.
Mi scivoli addosso come l’abito nero di una gran signora vecchio stile, e resti lì, a non guardarmi un altro po’, a fumarti la mia anima come l’ultima del pacchetto, quella che si concede all’ergastolano o al futuro padre nevrotico che va avanti e indietro per la sala d’aspetto di un qualsiasi ospedale.
E tu vai avanti e indietro per la sala d’aspetto di un qualsiasi ospedale e fai cenere di me.
Jazz, e io mi lascio sgretolare, ma polvere di Argento non divento, mentre mi guardi sparire come fuliggine da dietro ai tuoi specchi. E infondo credo, vorrei soltanto mi potessi vedere, vedere per quella che sono, quella che sono per tutti gli altri, gli altri che come me arrancano nella corsa contro il tempo, quel tempo del "C’era una Volta" che ha fretta di salutarmi con la mano, e con le mani, le mie, prego tutte le religioni del mondo per l’opportunità di scrivere con nero inchiostro nelle tue pupille e per scavarci dentro, come tante altre prima di me, o forse nessuna. Per scavarci dentro, come tante altre, che forse la mia mappa del tesoro non possedevano.
Ma ci dev’essere una ragione divina, un fottuto perchè, anche per questa fermata non-sense apparente. E allora aspetto, impaziente di mettere il cappotto e la sciarpa, che sarai pur simile agli altri, eppure con te tutto è semplicemente primavera, e corro mentalmente la maratona per arrivare in alto, con tutte le forze che ho in corpo, perché quando trovi qualcosa per cui scrivere, non sei in grado di non fare chiasso di sotto. E allora sto qui, sguazzando con noncuranza nelle pozzanghere di chi c’era prima di te, con la stessa ingenuità di chi rischia per la prima volta la sua bella secchiata d’acqua fredda.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • bruno franchi il 14/09/2008 13:59
    L'Amore è il momento dove l'UNIVERSO si può riconoscere ecco perché l'amore lo consideriamo un miracolo quando ci accade nella nostra vita. Ma c'è sempre qualcosa che interferisce e non fa incontrare quello che è destinato a incontrarsi. Non disperare ciò che è vivo prima o poi riconosce ciò che è vivo, ma dobbiamo stare attenti da chi è lontano dalla vita che ci vuole solo succhiare la vita per sentirsi vivo. Continua ad Amare solo così l'Universo può avere la possibilità d'incontrarsi e riconoscersi nell'Amore e fondersi con se stesso.
  • Ivan Bui il 16/12/2007 20:58
    Questo l'avevo perso... mi limito ad unirmi al coro. Sei davvero brava.
  • Katiuska Maria Leoni il 10/11/2007 23:53
    Complimenti, molto bello. K. Leoni
  • Ivan Benassi il 13/09/2007 15:19
    Ho riletto il racconto dopo averlo consigliato ad un'amica. Robi sei davvero bravissima.
  • marco moresco il 13/09/2007 14:51
    taccio anch'io, per non sbrodolare con i soliti complimenti, tanto sai che penso del tuo talento
    ciao marco
  • Ivan Benassi il 17/08/2007 13:58
    Non mi resta che unirmi al coro. Davvero pregevole.
  • Valerio Palma il 13/08/2007 14:42
    Una novella Ginsberg?
    Brava...
    Vale
  • francesco gallina il 31/07/2007 10:08
    È che pensieri e personalità a volte sono effettivamente contorti. "Pozzanghere" mi piace, e anche parecchio.
  • sara rota il 29/07/2007 20:18
    In alcuni tratti l'ho trovato un po' contorto, ma quel che conta è il sentimento che soprattutto verso il fondo traspare... Non smettere di scrivere mai...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0