accedi   |   crea nuovo account

Esseri umani

Attraverso il vorticoso labirinto del mondo moderno districarsi da ogni cavo è impresa ardua e non tutti riescono a mantenere un atteggiamento proprio e esattamente definito da essere umano pensante, di cui pensare è la caratteristica per la quale si distingue dal resto della vita, si tratta piuttosto di un frenetico brulicare doni e regali, una totale immersione in sentimenti standard con conseguente soppressione della curiosità, intima causa della riflessione, senza la curiosità l'uomo si nutre solo d'istinti, ben stereotipati, creati in modo d'accomodare la massa, da farla stare bene, a suo agio così che non possà più andarsene.

La soluzione è tutto quello che ci viene sotratto, lentamente, sfilata come la spina dorsale ad un morto, sporchi miliardari ci sacrificano in nome della loro falsa scenza, e noi cadiamo ipnotizzati sotto i colpi della loro demagogia, incantati dai media e dalle religioni inanellate d'oro e diamanti che da millenni non fanno ciò che dicono, non sono ciò chè pensano e nessuno se ne accorge, forse qualcuno, ma cosi pochi che non basta, bisogna risvegliare la curiosità, riattivare la riflessione e riscoprire il nostro mondo come un immensa falsità per illuderci sullo scopo della nostra vita, per indurci a non ricercarlo a non parlare con noi stessi senza chiderci chi vogliamo essere, false speranze, falsi idoli e false verità sono vendute per la strada da tutti e per i cieli dai ricchi che si accaparrano la maggior parte del provente umano per fruttare i loro scopi.

il nostro metodo è l'informazione, la diffusione di un pensiero diverso, quello reale non venduto e non comprato da nessuno, immagini e vita di esistenze in grado di sopportare l'assenza di burocrazia, di regole scritte, in cui il benessere dell'uomo ed il suo sviluppo sono il centro attraverso cui si sviluppa l'intera esperienza della vita.
sono convinto che tra tutti noi la maggior parte delle persone che non riflette, che vive la vita come un istinto, stiano in realtà fingendo, scelgono la strada apparentemente più semplice scendendo a compromessi con chi non ci permette d'esprimerci,
le idee devono essere diffuse e le persone risvegliate, abbiamo l'incredibile capacità di poter raggiungere virtualmente ogni luogo, con questo possiamo sconquassare l'impero dalle radici, dalle basi che lo costituiscono, le persone che riflettendo lo accettano.



Non vogliamo farci schiacciare come delle formiche, la nostra non è fede nelle istituzioni, è disprezzo del potere e di tutto quello che ci orbita attorno, noi creeremo, creeremo fino a soffocare la società con la nostra arte, la nostra voglia di vivere
sembra che tutti abbiano la testa fra le nuvole, come se non ci si dovesse preoccupare di dove andremo a cadere con tutto quello che continuano a fare alle nostre spalle, al nostro posto, trasformano il mondo per informatizzarlo, per sfruttarlo in ogni sua estensione naturale, e sono ridicoli sorretti solo dal potere delle istituzioni,
Viviamo in un mondo sbagliato senza esitare su nulla, senza chiederci se realmente và bene e quando lo facciamo la risposta è morte, morte e distruzione, sfruttamento, religione.
noi vogliamo scegliere, vogliamo sederci a un tavolo per ricominciare, riscrivere la storia dell'uomo, riportandolo su una giusta strada evolutiva, ripristinando la curiosità oppressa dalle istituzioni, donando amore ed amicizia, dando risposte semplici e comprensibili, umane, e per questo sfrutteremo la ragnatela del mondo virtuale, infondendo idee e raccogliendone, cresceremo, cresceremo come un fiume in piena inondando l'ignara società che ci stà attorno e ci opprime.
Non siamo e non saremo mai un movimento o una corrente, non ci faremo classificare, giustificare e riporre in un impolverato scaffale ricolmo di rivoluzionari scaduti e corrotti.
Siamo e saremo esseri umani

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 04/01/2008 23:42
    Nel mondo migliorato continueremmo (perché ormai saremmo ipersensibili) a sbraitare per ciò che ancora andrebbe male.
    Nel mondo migliorato all'estremo smetteremmo forse di pensare agli ex mali, ma smetteremmo anche di riconoscere il bene assoluto (come si farebbe a dire che cos'è l'obra se non ci fosse mai stata la luce?!).
    La fine del male è come ingoraralo completamente: il nulla che ci ha precedeuti.
  • sara rota il 27/09/2007 08:33
    L'essere umano è sempre statoe sarà sempre un po' "pasticcione". L'unica cosa possibile è far sì che ognuno di noi faccia del suo "piccolo" meglio per giungere pian piano ad avere un "grande" migliore.
  • Egon il 14/08/2007 16:44
    è un manifesto
  • Phil Ethasimon il 08/08/2007 16:59
    .. e cosi' "pensare" sara' veramente "creare".
    E non un processo automatico inconscio che si e' sempre illuso di essere libero e totalmente cosciente!
    Si puo' realmente "creare", "fare",
    "cambiare".
    E creare le circostanze perche' cio' avvenga...
    Con Cuore
  • Phil Ethasimon il 08/08/2007 16:36
    Mi dispiace ma, per esperienza "il Regno dei cieli" e' una realta'!!
    Bisogna viverlo e manifestarlo l'Amore non scimmiottarlo filosofeggiando!!
  • Phil Ethasimon il 06/08/2007 21:08
    Con l'arte non si cambia nessuno!
    Comunque bellissima lirica!
  • Phil Ethasimon il 06/08/2007 21:06
    Ne basta UNO VERO!
    Vero e' uno che non scimmiotta un ideale, uno che getta le sue maschere, uno che ammette di essere in gabbia, uno che non e' narcisista, uno che non vuole affermare un potere, uno che non lo fa per essere acclamato, uno che non lo fa per soldi, uno che non lo fa per guadagnarsi il paradiso nell'aldila', uno che non vuole gli applausi!

    Ma uno che Ama veramente!
    Ed esso incidera' su altri 100. 000, ne cambiera' centomila!
  • Phil Ethasimon il 06/08/2007 21:01
    ... e nessuno se ne accorge, forse qualcuno, ma cosi' pochi che non basta...

    Non e' vero che non basta!
  • Egon il 06/08/2007 19:43
    già, fortunatamente non sono ancora decaduto
  • francesco gallina il 06/08/2007 16:26
    se la data di nascita è corretta mi sembra un racconto/sfogo valido
  • Luca Calabrese il 05/08/2007 17:54
    Idee molto chiare...
  • Egon il 05/08/2007 17:01
    che vuol dire?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0