PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una storia con il demonio

Una sera di inverno mi trovo insieme con gli amici in una fattoria. Siamo nella piccola cucina adiacente alla stalla e giochiamo a carte o mangiamo semi di zucca.
È il plenilunio di gennaio. Fuori, un freddo polare è disceso sulla distesa di neve ghiacciata. I galli hanno cantato tutto il giorno, segno che nevicherà ancora.
É da poco suonata la mezzanotte. Il nostro gioco è disturbato dal ringhiare di Boll, il cane che sta di guardia in cortile. Un altro poco e sentiamo gli strattoni che dà alla catena.
"Ci sono i ladri!" grida il padrone di casa e si alza per controllare.
Nello stesso tempo sentiamo dei rumori provenire dalla stalla. Le vacche sono diventate inquiete, scalciano e muggiscono.
Lo stalliere scende giù in stalla. I muggiti si fanno più forti uniti ai tintinnii delle catene. Mi affaccio alla porta e vedo l'uomo che tenta di calmare le vacche, rimuove il letame, mette della paglia nuova. L'abbaiare del cane dapprima furioso è sceso a un guaito e adesso è ritornato il silenzio.
Vado alla finestra insieme ad alcuni uomini per scrutare la distesa di campi innevati sotto la luna. Jack intanto è andato a spiare dalla finestra della saletta. Il suo grido strozzato ci fa accorrere tutti insieme.
C'è un animale mostruoso alto più di un uomo là fuori fra la stalla e la casa. Sembra un enorme uccellaccio nero con pelo ispido e ali membranose.
É un essere orrendo con la testa a punta e quando si muove vedo un muso da maiale che mi fa rabbrividire. Si muove goffamente mentre si allontana a piccoli balzi verso la strada.
Dopo il silenzio di prima sembra scoppiare il finimondo. Il cane riprende ad abbaiare come impazzito, le donne in cucina si sono messe abbracciate e gridano che è arrivato il demonio. Qualcuna prorompe in grida isteriche. Le più anziane si mettono a fare congetture:
"La luna aveva un colore insolito."
"I galli hanno cantato durante tutto il giorno."
Tra baccano di panche rovesciate corriamo tutti nel ripostiglio a prendere bastoni, forche, badili, armi improvvisate. Poi Fred toglie i catenacci, apre la porta ed usciamo sull'aia.
La notte invernale è gelida e senza vento. Qualcuno che si è spinto più avanti chiama e altri accorrono con delle torce. Tutti ci chiniamo in cerchio per guardare per terra.
Sullo strato di neve c'è una specie di velo ammucchiato e spiegazzato. Il velo è una sottilissima garza con riflessi perlacei, iridescenti. Nessuno osa toccarlo. Proviamo a spostarlo con la lama del badile ma è leggerissimo e dove si tocca si liquefa scomparendo.
Restiamo ad osservare perplessi poi sentiamo qualcuno che grida:
"Là, là, guardate."
Il sellaio sta indicandoci qualcosa. Mi avvicino e vedo una fila di impronte fresche che si allontanano sulla neve. Sono grandi impronte palmate che hanno la dimensione di una mano umana.

123

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Matteo Barbarossa il 14/12/2009 15:11
    L'atmosfera è buona, la storia è interessante anche se il ritmo è un po' troppo veloce, il finale è un po' deludente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0