PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Musica di mezzanotte

Silenzio di tomba. La sala è gelida come una ghiacciaia. La luce lunare che entra dalle finestre rischiara i mobili e disegna rettangoli luminosi sul pavimento.
Il signor Bert, proprietario di questa vecchia villa, sta accanto a me teso e agitato. Egli è un uomo alto e magro. Cammina avanti e indietro per scacciare il nervosismo e fuma in continuazione. Non so bene cosa aspettiamo né perché mi ha proposto di venire qui questa notte.
Questa attesa snervante dura da oltre un'ora. Poi, all'improvviso il signor Bert mi afferra un braccio e sento la sua voce roca ed emozionata:
"Zitto. Ascolti. Sta per arrivare ".
Nel silenzio si odono deboli suoni acuti, distanziati. Dopo un po' comprendo che qualcuno sta battendo i tasti di un pianoforte. A volte suona a casaccio, a volte incomincia una melodia, poi si interrompe e riprendono le note a casaccio. Poi ancora una melodia sommessa, implicita, segreta.
"Chi sta suonando a quest'ora?" chiedo.
"Nessuno. L'appartamento superiore è disabitato".
"Vuole dire che ".
"Sì! Quel pianoforte di notte suona da solo. Venga".
Bert accende una candela e mi precede su per una scala con ringhiera in ferro lavorato. I suoni si sentono a volte forti, a volte deboli fino a scomparire.
Al piano superiore percorriamo un corridoio. Bert si ferma davanti a una porta di legno lucido, estrae una chiave e apre. Entriamo.
La luce della candela rischiara una saletta polverosa con poltrone di velluto e un tavolino rotto.
Il pianoforte sta in un angolo e a intervalli emette suoni di corde che vibrano. È uno strumento vecchio con due candelabri ai lati. Quando mi avvicino vedo che i tasti sono ingialliti e pieni di polvere.
Perplessi e impauriti torniamo indietro e scendiamo giù.
Al mattino seguente io e Bert siamo seduti in uno studio severo con alte librerie e quadri anneriti appesi alle pareti. Incomincio a fare domande nel tentativo di spiegare il mistero.
"Ci sono adolescenti che frequentano la casa?"
"No. Io vivo solo".
"Ha fatto sedute spiritiche negli ultimi tempi?"
"No".
"A chi apparteneva quel piano?"
"A mia zia Carmen prima che morisse. Lo aveva fatto arrivare quando era giovane dal Massachusetts".
"Da quanto tempo è morta sua zia?"
"Da oltre due anni".
"É da allora che si è verificato questo fenomeno?"
"Non lo so. Abito qui da poco. Prima abitavo da mio fratello".
"Che tipo era sua zia?"
"Oh! Era una donna eccentrica. Amava la musica e non si è mai sposata. Durante gli ultimi anni della sua vita non usciva quasi più. Era alcolizzata, si chiudeva nella sua stanza e beveva e suonava ".

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0