accedi   |   crea nuovo account

Fantasmi

-Tic, tac, tic, tac- il rumore dei sottili e rosei tacchi dalla giovane Laura risuonava nel silenzio di quella città ormai addormentata. Ogni passo echeggiava nell’aria, picchiando sul duro asfalto del marciapiede. La gonnellina nera, corta, forse troppo corta, ondeggiava delicatamente al ritmo dei brevi ma incredibilmente eleganti passi della ragazza. Il candido top indossato dalla giovane si intravedeva appena sotto lo splendido ed raffinato giacchino di jeans scuro, lasciato slacciato, su cui brillava una spilla, un piccolo e incantevole fiore rosa, contornato di swarovski, più luccicanti che mai alla luce dei lampioni della città.
Sola lei, con i suoi pensieri, con i ricordi della serata passata in compagnia, il sorriso stampato sul volto, quello splendido e delicato viso, la carnagione pallida e morbida donava alla ragazza un’incantevole bellezza, gli occhi, profondi, blu, erano accentuati dai lunghi e lisci capelli neri.
Percorreva quella strada quasi ogni sera, quel viale che conduceva alla sua bella casa, contornato da abbaglianti lampioni, chiuse gli occhi ispirando profondamente e godendosi per un istante la bellissima brezza d’estate, quell’aria di freschezza nel silenzio di quella notte. Pochi passi prima di riaprirli, per poi chiedersi se l’aveva davvero fatto. Attorno a lei regnava ora un buio incontrastato, si stropicciò gli occhi, cercando di capire cosa fosse successo, un blackout, si, forse era proprio quello. Alzò lo sguardo, cercando disperatamente la luna, la sua luce pallida e biancastra, quella nivea presenza che incantava, ma non la trovò, scosse la testa e d’improvviso ebbe voglia di piangere, aveva paura, tanta paura, una dannatissima paura. Il cuore batteva, batteva all’impazzata in quel petto che sembrava quasi scoppiare.
Ad un certo punto la raggiunse una fioca luce, alzò nuovamente lo sguardo, convinta che l’avrebbe vista, si, la luna, ma niente, non vide niente. Si guardò attorno, terrorizzata, e senza capire da dove provenisse quel chiarore. Pian piano si abituò a quell’oscurità e cominciò a distinguere gli oggetti attorno a lei, riconobbe il palo di un lampione, vi si appoggiò, poi alzò lo sguardo cercando di vederne la fine.
Un urlo acutissimo spezzò quell’irrazionale silenzio, le iridi celestine, sgranate, fissavano un punto, sopra di lei, aveva visto qualcosa, oh certo che l’aveva visto, non era la sua immaginazione, no signore! Se ne stava li, accovacciato, in cima al lume, una statua, no, non era una statua. Gli occhi, profondi, non avevano pupilla, ne iride, erano vuoti. Il viso era piccolo e segnato da un’infinità di cicatrici. Il naso, quasi invisibile, appariva come un buco. Le orecchie, a punta, si allungavano per circa venti centimetri. Il corpo era ossuto e incredibilmente sottile, ma il sorriso, quello era lungo, assurdamente grande, i denti, sproporzionati e praticamente perfetti, spiccavano su quel viso così rovinato, cos’era quell’essere senza colore, di un grigio pallido, quasi trasparente? La sua testa si girò lentamente, a scatti, fino a guardarla, il sorriso non si spense, anzi, a Laura sembrò si pronunciasse ancor di più. Indietreggiò leggermente, aveva paura, picchiò contro qualcosa, e questo la costrinse a voltarsi.

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Antonello Gualano il 14/09/2007 13:02
    racconto serrato ed avvincente, situazioni ed emozioni descritte in modo abile e piacevole. Brava!
  • Claudio Amicucci il 03/09/2007 22:55
    Di nuovo complimenti. Ciao Claudio
  • Maria Gioia Benacquista il 02/09/2007 15:38
    Bel racconto. Anna sei bravissima!
  • sara rota il 01/09/2007 15:25
    Più che un fantasma, leggendo la descrizione dell'essere mi sono immaginata un essere proveniente da un altro pianeta... il fantasma per me è solo anima. comunque ben descritto, ricco di particolari.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0