username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La stessa

Ci passavo davanti di ritorno dalla spiaggia.
L’obitorio dell’anima, pensavo, fra me e me, di quelli che se ne lavano le mani con l’acqua calda, fino agli sgoccioli. Come un fiume di indifferenza, lo spreco sociale. Ci passavo davanti e mi tornava su tutto. Quasi lo percepivo quel vento gelido del novembre scorso, quello fuori-porta-ospedale, quello dei 4 gradini e della serratura, quello del mio costante anticipo orario visite. Ti vedevo di nuovo in quel lettino bianco, a chiedermi se ricordavo le morbide giornate passate, e vedevo di nuovo gli occhi di quella ragazza che ti aveva chiesto chi ero, che nel caso avrebbe voluto essere lei nelle mie vesti, e vedevo la signora un po’ invadente dei biscotti e il tale delle gocce da mandare giù tutto d’un fiato. Come si fa col rum, come si fa con la vita.
Di colpo, una nuvola nera ad offuscarmi la vista. Non mi riprenderò mai, da quelle giornate senza speranza.
Oggi, di nuovo quelle stesse mura a stringerti forte. Ancora quella chiave alla serratura, ancora quell’aria a battermi i denti. Non sono più, eppure sono. Sono solo parole. Io, la stessa.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ivan Bui il 20/03/2010 01:05
    Riletto in attesa di una tua nuova pubblicazione.
    Ciao
  • Luca Calabrese il 05/10/2007 19:27
    Difficile capire i tuoi pensieri o per meglio dire quali emozioni ti spingono a descrivere cioò che veramente senti... Sei brava.
  • marco moresco il 01/10/2007 16:36
    questo è troppo... bello
  • Ivan Bui il 28/09/2007 17:59
    Un componimento poetico di rara bellezza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0