PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Avventurosa... Mente

mi piacerebbe scrivere questo mio racconto insieme a molti di voi c'è qualcuno che



Prologo

Tutto quello che fra poco vi narrerò potrà soltanto in parte rendere omag¬gio al grande amico, eroe indiscusso, grande combattente, difensore dei deboli del mio mondo.
Credetemi, sono convinto che alla fine del mio racconto anche voi come me direte: -" È proprio lui quello che ho sempre sognato di avere per amico".


PREGO, SEGUITEMI...









Capitolo 1


Quella notte Ugo aveva fatto molto tardi, però la sveglia come al solito suonò alle cinque e venti. Il suo primo impulso fu quello di spegnerla e girarsi dall'altro lato, ma la solita voce che sentiva dentro lo spinse ad alzarsi ed a procedere a tutte quelle operazioni che meccanicamente com¬piva ogni giorno.
Vestirsi, lavarsi, tutto fu uguale alle altre mattine; solo una cosa era di¬versa: lo strano sentore che lui aveva e che gli si ripercuoteva nell'anima. Qual¬cosa stava per succedere: non so, gli elementi, l'aria, le nuvole, il cielo, era tutto uguale, ma lui sentiva che qualcosa doveva acca¬dere.
Prese come al solito la metropolitana, con le solite persone, le persone di tutti i giorni, quelle che vengono da fuori, che fanno i pendolari, che stanno se¬dute, ti guardano ma non vedono né te né qualsiasi altra cosa; stanno lì fissando il vuoto, tentano di proseguire oltre quel tunnel, cercano un mondo che vorreb¬bero ma non hanno.
Quel giorno fu come gli altri; trovò un posto a sedere e cominciò come gli altri a guardare un luogo che non c'era, a cercare l'immaginario confine tra la realtà e la fantasia. D'improvviso davanti a lui si fermò una donna, una strana donna com¬pletamente vestita di velluto; abito certo adatto alla stagione, ma di una fattura che non aveva mai visto: tutto intarsi di broccati e di seta. Gli sembrava di uno stile antico ed immaginò appartenesse a tempi remoti, forse ad una dama del duecento o anche molto prima. Ciò che più lo colpiva, tuttavia era lo strano colore, diverso da tutti gli altri, un colore diafa-no, un colore che non apparteneva a questo mondo.

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/06/2011 18:28
    Lunghissimo