username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Genziana e il Raggio di Sole

Questa è la storia di una Genziana nata nel bosco di Silvaplana. Silvaplana, in Engadina, dove il cielo è blu e l'aria genuina. Un raggio di sole filtra fra i rami, la Genziana domanda: " Tu mi ami?" Il Raggio risponde: " Come non potrei, sei la più bella da qui ai Pirenei!" Felice la Genziana al Raggio di Sole si abbandona. Ma nel bel mezzo dell'abbraccio si alza un gran ventaccio. Con forza vengon separati da una nube gli innamorati. Piange si dispera il fiorellino: " Oh no, non può esser questo il mio destino."
Ma il peggio, ahimè, ha ancora da arrivare, ecco una mano la Genziana strappare..."A casa la voglio portare, nel vaso coi gerani ci potrà stare."
In un foglio di giornale si è ritrovata, il buio, l'aria condizionata... grazie al cielo è bell e arrivata.
Respira a fatica la Genziana, si sente stanca, si sente strana.
Una cosa non riesce a capire: " Sto per svenire o sto per morire?" Ed ora eccola lì, nella terra è stata ficcata, con un po'd'acqua poi bagnata. Ma non è l'acqua dell'Engadina: fresca, buona, frizzantina.
I gerani al suo fianco le danno il benvenuto, ma lei no, non ha le forze, nemmeno un saluto.
" Oh... com'è malconcia poverina. Farà la fine della stella alpina?"
È notte, la Genziana si è addormentata. Se il Raggio di Sole sapesse com'è malata! Son sicura, in un minuto correrebbe in suo aiuto.
E come per incanto, la mattina seguente, vien svegliato il fiorellino dolcemente.
Dopo aver a lungo cercato, il Raggio di Sole il suo amore ha trovato. Col suo calore abbraccia la Genziana che non perde tempo ed esclama: " Ti prego, portami via di qui!" Senza esitare il Raggio risponde : "Sì."
Rapido il Raggio riporta la Genziana nel bosco di Silvaplana.
Ma ormai è tardi, sta per sfiorire, è giunto per lei il tempo di dormire.
Il suo amore la adagia e con delicatezza la accarezza.
Si guardano, non han bisogno di parole, loro lo sanno, non passerà più di un anno.
Tornerà la primavera, di nuovo insieme potranno stare,
per pochi giorni, per poche ore ma sarà per sempre amore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 12/02/2011 12:25
    Mi è piaciuta molto. Complimenti.

    Suz
  • Gianmarco Dosselli il 20/05/2009 17:42
    Come favola ha un senso poetico e fragrante. Tecnicamente costruita stilando rime: definirei racconto geniale.
  • Calogero Muscarella il 02/10/2007 18:24
    Davvero, davvero carica. La metrica poi mi sembra quasi perfetta.
    Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0