accedi   |   crea nuovo account

Ricontestualizzazione

Ricordi.

... Ricordi?

Adesso i ricordi sono offuscati, flebili, lievi. È tutto così…mischiato…è accaduto così velocemente che fatico a recuperare nella mente i particolari.
Ma varrà la pena ricordarti. Sarà catartico dipingerti su questi fogli. Anche perché è tutto ciò che mi rimane di te, ora che non ci sei più. Ora che chissà con quale altra stai facendo quello che facesti con me.

Ero lì in mezzo a tante a quella festa. Tutte ammassate in quello scantinato freddo, umidiccio e svogliatamente illuminato. Io, rossa ruspante e naturale, un po’ stagionata, con un vestito vecchio appiccicato addosso e con i miei fianchi larghi (mi hanno fatta così, non ho mai potuto farci nulla). Probabilmente scomparivo di fianco alle frizzanti, giovani bionde e alle slanciate more di alta classe. Per nulla appariscente, per nulla “una da notare”. Mi ripetevo sempre, forse sbagliando, che ero “una fra mille, nulla di speciale”. Forse anche poco originale.
Ma non quella sera, però. Quella sera, qualcosa successe. Qualcosa di straordinario. Qualcosa che mi fece ricredere su me stessa, che diede un mio significato al mondo.
Un uomo, sulla sessantina, che avevo già visto qualche mese prima, si avvicinò a me, mi mise una mano attorno al collo - con molta gentilezza, devo dire - e mi portò in cucina. Io lo lasciai fare, anche perché ero un po’ stanca di quel posto dall’odore stantio.
L’ambiente lì era molto diverso: soffusa luce di candele, nessuna ressa, poche persone intente a chiacchierare e spiluccare tartine e barchette.

Profumo di calore umano.

Fu lì che ti vidi. Eri appoggiato al bancone della cucina, con le braccia lungo i fianchi, isolato. Gli altri ti ignoravano, come se fossi piccolo e insignificante. Ma la cosa ti scivolava addosso. Solo dopo avrei capito che la gente si rivolgeva a te solo nel momento del bisogno, ma che in quel momento eri veramente insostituibile.

... Lo fosti anche per me.

Quell’uomo ti si avvicinò, facendoti, capire di volerti presentare a qualcuno. E ti portò vicino a me. Non so cosa mi successe…forse ero già agitata dal repentino cambio di ambiente o forse ero semplicemente “pronta”. Ma fu un vero colpo di fulmine. Eri elettrizzante, magnetico.
La prima cosa che notai, subito, fu il tuo sorriso. E i tuoi denti. Si, i tuoi denti. Perfettamente dritti, allineati, quasi scintillanti. Ricordo che eri magro e slanciato eppure davi l’impressione di forza e tenacia. Non mi sono mai piaciuti i tipi grossi. Ricordo che una volta una mia amica uscì con un tipo enorme, tutto muscoli. Un giovane rampante, arrivò con una macchina di lusso, vestito di nero, elegantissimo. Faceva sicuramente il suo figurone, sulla carta prometteva bene. Tuttavia la mia amica si lamentò di come venne trattata molto sbrigativamente, in maniera meccanica, insensibile, quasi violenta. Fu la prima e ultima volta per lei. Tu invece no. Si vedeva che eri uno “vecchio stampo”, qualche segno dell’età ti rendeva piuttosto ancor più romantico.

123

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0