accedi   |   crea nuovo account

Le pagine gialle del mio cervello

Lessi le pagine gialle del mio cervello. Cercavo qualcosa, o forse cercavo solo me stesso.
Aprii una pagina a caso.
Feci scorrere il dito tra i primi nomi.
-Ahdif… mmm… lui mi ha dato solo problemi. Qui c’è il numero di Franco… no, non mi sembra il caso di disturbare proprio lui. Ecco il numero del chiosco sulla spiaggia … ma il relax non mi serve. Stella … no, o almeno non ancora. Il numero di Dio… quello lo conosco a memoria è 3334… ma non mi serve ora, non ho problemi di spirito. E questo cos’è? ‘Fanciulletto del cervello, assistenza cerebrale ’ … questo mi piace!
Composi il numero che non posso rivelarvi per evitare una sanzione per pubblicità occulta: i Moderatori Emotivi sono molto severi, mi farebbero il culo. Quindi guardate nelle vostre pagine gialle cerebrali.
-Ecco squilla… Pronto, sei fanciulletto?
-Si.
Mi rispose con voce rauca da fumatore.
-Chiamo per…
Non sapevo cosa dire. Non conoscevo il perché della telefonata.
-Guarda che se hai chiamato per uno scherzo, ti avverto che ho il telefono sotto controllo: non ci sto niente a beccarti.
-No… sono serio… è solo che non conosco il motivo della chiamata!
Sospirò.
-Bene un’ altra pecorella smarrita… Facciamo così, comincia con qualche domanda…
-Ok!
-Vai …
Cominciai.
-Ti manca la mamma, giovane fanciulletto del mio cervello?
-No.
-Ti manca papà?
-No.
-E quella sorella a cui vuoi tanto bene?
-Neppure.
-Ti manca il sole in questo mondo buio?
-… No.
-Ti manca sentire?
-Si.
-Cosa sentivi?
-Ho sempre avuto il vizio di mixare tutte le emozioni …. Non so cosa sentivo…
-Potrebbe essere un problema?
-No, anzi. Se non conosci certe emozioni significa che hai ancora la possibilità di sorprenderti.
-Ah!
-Ascolta, chiudi gli occhi.
-Fatto.

123

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Dino Greco il 05/05/2011 13:37
    Fantastico! Uno dei più bei racconti che abbia mai letto! Ma non capisco alcune cose:
    - Perchè Dio è il 3334?
    - Bambino con il sigaro? Dovrebbe rappresentare un'infanzia violata?
    - In quanto tempo l'hai scritto? Sembrerebbe uno sfogo ma alcuni dialoghi non mi convincono...

    Comunque davvero complimenti!
  • andrea giancarli il 09/01/2009 00:54
    molto lynchano... bellissimo!!!
  • Filippo Fronza il 01/12/2008 21:58
    Racconto introspettivo e molto bello. Mi piace soprattutto l'idea delle "camere della vita" che si affacciano sui corridoi del cervello, la descrizione che fai delle porte e il significato che dai a ciascuna di esse.
  • Vincenzo Capitanucci il 06/03/2008 10:39
    Veramente Geniale... pensa fumiamo anche le stesse sigarette Mal sboro... anch'io avrei indovinato l'enigma della sfinge... era facile per noi maledetti fumatori...
    A parte gli scherzi... questa telefonata interna è sublime... inutile commentare di più... c'è Tutto... bisogna mettere un po' d'ordine... i tesori persi usciranno.. questo è gia uscito...

    Vivo un giallo nel mio cervello... hai trovato il colpevole??????

    Vincenzo
  • Egon il 06/12/2007 21:17
    Bravissimo, bellissimo racconto, 10

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0