PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stefania brucia!

Era scomparsa così, come uno di quei fiori che si usano come segna libro e che appassiti vengono divorati dal fiume di parole nulle, gettate lì chissà da quale poeta lontano millenni dal suo tempo. Come nessuno aveva mai immaginato, se n’era andata, inghiottita ora in quella medaglietta fredda sul petto della madre, caldo d’amore e di lacrime amare…
In quella goccia di metallo, era rinchiusa lei, i suoi lineamenti, il suo volto, le sue lacrime, le sue paure, le sue speranze. C’era lei, la sua Stefania….? cioè, quale Stefania? Quella che da piccolina non andava a dormire se lei non andava a darle il bacio della buona notte, che voleva dormire con la luce accesa, che stringeva Bobo, un orsacchiotto senza un braccio, che si era fratturata la mano la prima volta che aveva provato ad andare in bici, che odiava mangiare la carne e volentieri si sarebbe abbuffata di verdure, che si era impuntata di voler fare la boxe e non la ginnastica ritmica come le sue compagne di classe, che ad otto anni, non aveva espresso il desiderio di fare la dottoressa, la mamma, la maestra ma di fare il pilota, per volare lontano, e sfiorare l’eternità…Ieri, era proprio andata così;aveva sfiorato l’eternità;era volata via, lontana dal gomitolo delle vite umane;era diventata un filo indipendente e ballava, vagava, vorticava, negli abissi del suo io, lontana come non mai, con tale impeto che il filo pian piano si è indebolito, si è reciso, e lei è stata scaraventata a terra, in una fossa un metro e settanta per un metro accanto ad una croce ignota, ed ad una signora di settanta anni, con la tomba circondata da mille fiori finti…
Ieri una ragazza di venti due anni era stata trovata con un ago nel braccio sinistro, nel bagno della stazione, morta…
Era quella la sua Stefania?
Una che comunemente, con disprezzo definiscono una tossica? Una di quelle che “si buca”;che è disposta a tutto pur di procurarsi il “pane quotidiano”, una qualsiasi dose, una qualsiasi sostanza, per riempirsi il braccio di lividi, e sognare di esser diventata un pilota di successo…
Perché Stefania era stato anche questo;lei ed i suoi interminabili silenzi, i suoi rientri a casa di giorno, le sue giornate trascorse a letto a dormire per poi svegliarsi e nascondersi tra le foglie degli alberi dei giardinetti pubblici a fare cosa? Come non aveva fatto a capire cosa faceva quella ragazza, che tornava a casa sempre apatica, con gli occhi spenti e poi ravvivati a tratti da una scintilla, che non era gioia;era rabbia per una vita che non voleva finisse in quelle catene che inchiodavano l’anima e dalle quali nessuno voleva liberarla, nemmeno se stessa. E gli anni erano trascorsi, tra litigi inspiegabili e lunghe tregue nelle quali la verità lentamente trapelava e si trasformava da normali incomprensioni tra genitori e figli adolescenti, ad un mostro mitologico dalle mille teste crudeli ed affamate, ad una madre che non riconosce più la figlia, alla figlia che si sente orfana, ad una donna che non vuole riconoscere che “mia figlia è una drogata”. Perchè non aveva mai avuto il coraggio di raccontarlo al mondo, ma soprattutto a raccontarlo a se stessa, che quel fiore si stava lentamente consumando sotto i colpi subdoli, invisibili di una realtà che con il suo odore di morte e depressione, lo stava stordendo, per appropriarsi del suo ancestrale profumo di giovane donna? Perchè? Perchè a volte non far niente equivale a fare molto male;e solo ora che quel corpo era diventato gelido e freddo come la medaglietta sul suo petto, aveva capito. Solo ora con quel diario tra le mani, venuto chissà da quale cassetto chiuso a chiave nella camera di sua figlia aveva capito, che quel ago nel suo braccio, non si trovava lì per puro masochismo;ma aveva motivo di esserci e quel motivo era scritto, sussurrato in punta di piedi, nelle piaghe del cuore di una adolescente sballottata tra la casa di sua madre e di suo padre, il cui matrimonio non era mai decollato, a cui nessuno aveva mai insegnato cosa volesse significare essere felici in una società in cui ciò che importa è essere ricchi e belli in cui la scuola non è un luogo dove rendersi liberi attraverso la conoscenza, ma un luogo che impone nuovi schemi, nuovi modelli, nuove regole, senza il rispetto dei quali non vali niente…E nessuno pensa alla poesia, all’arte, alla musica, alla loro fragilità, alla loro forza, ad un’anima troppo sensibile per sopportare un mondo in cui bisogna essere competitivi, perfetti oltre la perfezione immaginabile ed in cui la parola amore è bandita del tutto…

12

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Libera Mastropaolo il 08/09/2009 20:28
    Davvero molto piaciuto!
  • Giancarlo Stancanelli il 08/11/2008 18:30
    A me è piaciuto.
    Sinceramente.
    Ne ho conosciute molte, troppe, di Stefanie, e tu l'hai resa con realismo, rabbia e pudore.
    Brava.
  • Claudio Amicucci il 23/11/2007 23:24
    Ti ho poi votato alto per ripristinare l'unico voto ridicolo che qualcuno ti ha dato: non si incoraggia così una giovane penna. Ciao Claudio
  • Claudio Amicucci il 23/11/2007 23:22
    Una buona dose di sentimenti, emozioni, ribellione ad un mondo che non vuol vedere oltre l'apparenza: un buon contenuto che scorre anche bene; fine a se stesso. Sul tema prova a legggere il mio "Le ragioni della follia". Ciao Claudio
  • bohemien empatico il 21/11/2007 12:52
    cara ilenia,
    il racconto è scorrevole ma fine a se stesso.
    È pervaso da tutte quelle emozioni tipiche della tua adolescenza: il vagheggiamento della morte, la tossicodipendenza, lo scontro con la famiglia. Emozioni immature.
    Se ti piace scrivere continua a farlo! perchè maturerai anche tu ed il tuo scrivere..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0