accedi   |   crea nuovo account

Dentro e fuori

È notte.
Da una finestra lievemente illuminata si intravede un'ombra.
È l'ombra di una giovane anima, che ancora traffica nella sua camera.
Cosa fa? Non è molto importante... So che di solito legge, disegna, ascolta musica, si attarda a scrivere a qualche amico.
C'è un'unica cosa che non manca mai di fare tutte le sere. Sì, è molto curioso...
Prima di spegnere la luce, e andare a letto, sta lì, affacciata alla finestra, e...


"... E mi incanto a guardare il cielo... Sono come calamitata da quel pallido cerchio, pitturato con mano d'artista; e da tutti quei piccoli occhi cristallini che danno un mano ad illuminare "quell'ammasso nerobluastro".
Non c'è una sera uguale all'altra; ogni sera crea un cielo diverso...
È irresistibile la voglia di contemplarlo.
Ed è irresistibile, quando mi adagio sotto le coperte, ripensare alla mia giornata, e ricordare tutte le cose che mi rendono felice... E così, di pensiero in pensiero, giungo a qualsiasi periodo della mia vita. Giungo anche ai momenti più duri, ma saluto anch'essi con un sorriso; perchè in fondo ciò che non uccide rafforza, e ogni sera me lo conferma.
Un'occhiata fuori e un'occhiata dentro..."

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Dea Delogu il 15/03/2011 23:03
    No, non è banale! È una tua esperienza, perciò non è banale Grazie per il commento e per aver condiviso questa tua esperienza
  • Anonimo il 08/03/2011 18:01
    C'é un posticino riservato a Prata (nell'Alta Maremma) dove a volte mi fermo mentre rientro al mio paese. Dico riservato perchè quando si beve e chiaro che poi bisogna smaltire. Ebbene in quel breve momento alzo lo sguardo al cielo ed anch'io faccio le tue stesse osservazioni. Un cielo limpido, pieno di miliardi di stelle, sempre in posizione diversa e sempre diverse. È uno spettacolo, ma dura poco, il tempo necessario a smaltire. Ma resta un bello spettacolo da guardare, mentre noi ci consumiamo "fisiologicamente" e quel cielo è sempre uguale chissà da quanti millenni e chissà quante persone come noi ha incantato! (Scusa la banalità del raffronto).
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/12/2007 14:56
    Un pensiero positivo è la base della nostra esistenza, concretezza vuole la vita. Scorrevole, eloquente e simpatico l’elaborato.
  • Dea Delogu il 16/12/2007 18:39
    Ti ringrazio per il complimento... Mi fa piacere che qualcuno condivida il mio pensiero. E a volte ho il timore invece di non spiegarmi affatto in modo semplice