username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

SIREN'S DREAMS

Un giorno una bambina aprì gli occhi e scoprì a malincuore che il suo peggiore incubo era diventato realtà.
Essere lasciata sola.
La solitudine.
La paura di restare soli è la peggiore.
È la stessa per la quale continuiamo a lottare tutti i giorni.
Stampandoci sorrisi ebeti in faccia. Riempiendo i nostri armadi di maschere. Allenandoci ore ed ore davanti a uno specchio a interpretare la parte migliore per quel frammento di vita.
Quel sogno le aveva parlato di solitudine rivolgendosi a lei con parole crudeli, piene di verità, ma crudeli.
E forse lei, in effetti, non era neanche più una bambina.
Stava mentendo.
Quel sogno parlava del sogno di un uomo.
________________________________________

Solo sulla prua della sua nave, sul punto più alto, quello che solcava, infrangendo le onde, il mare, senza preoccuparsi delle ferite che infliggeva ad esso.
Era lì. Solo. E guardava il mare. Libertà.
Solcava il mare per sentirsi libero, eppure, più il tempo passava più si sentiva prigioniero di quella stessa nave che, bugiarda, gli aveva promesso ali leggere per volare ma che, ora, gli offriva solo ali fradice, troppo pesanti per poter volare e intrise di salsedine.
Quella solitudine che indefessa divorava tutto, implacabile, sino a quando non sarebbe restato più nulla. Come la solitudine.
Guardava il mare e pensava …

Chissà quanti sogni ha cullato questo mare, e quante speranze hanno infranto queste onde …
La risacca del mare e la sua immensità ti fanno sentire così piccolo, così inutile, inconsistente, perché nonostante la tua esistenza il mare continua a infrangere le sue onde contro gli scogli e sul bagnasciuga in un moto eterno e perpetuo … e osservandolo sembra quasi che lui, il mare, abbia scoperto il vero senso del vivere: andare e venire, continuare a muoversi e morire, asciugato dalla sabbia, e tornare in vita, con la risacca, anche se nessuno lo guarda.
E sembra che sia questa la cosa più importante, non fermarsi mai, onda dopo onda, goccia dopo goccia, corrodendo la terra silenziosamente, lentamente, mantenendo il ritmo, improvvisamente ritrovarsi sommersi … annaspare un po’ senza evidenti risultati e poi lasciarsi andare e annegare. Ma non arrendersi. Tornare con la risacca. Annegare ma non arrendersi. Per tornare con la risacca.
Questo è il segreto della vita: continuare ad andare avanti e non mollare mai. Onda dopo onda. Goccia dopo goccia. Passo dopo passo.
Infine sommergere il mondo che aveva sommerso te.

Una volta lo pensava davvero ma ora … ora non contava più .
Dall’alto guardava il mare, scrutandolo, attentamente, esaminandolo, contemplandolo, ammirandolo, cercando qualcosa, lì , tra le sue onde, qualcosa di ben nascosto.

1234

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0