username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sogno numero Due

Era notte fonda,
magari le due o le tre,
mi è sembrato di fare uno strano sogno;eravamo
assembrati in una enorme valle, e
annunciato da squilli di tromba,
mi sono visto presentare alla folla;
io, dapprima sbigottito, poi incuriosito, ho
chiesto:- perché volete che vi parli? ,
allora in coro, la pletora tutta ha strillato: Dicci un nome!
Em…ma…io, veramente, non so, non saprei proprio;
ma se proprio insistete,
ma se proprio devo enunciare pubblicamente…
allora che ella sia e ho detto il nome : (ma non me lo ricordo più )

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 16/05/2008 20:34
    mi sembra una poesia... è purtroppo poeta non puoi cambiare ciò che sei. Il nome lo volevo sapere anche io... ehhhhhh vabbè
  • Anna G. Mormina il 09/01/2008 19:03
    ... mi ripeto lo so...
    non si sa mai come va a finire, però questo sogno è carino, i miei sono terribilissimi!
  • Maria Lupo il 05/01/2008 01:15
    Credevo fosse il seguito del primo!
    Questo non è facile da capire ma molto suggestivo e vivace nella narrazione.
    L'altro, a parte gli elementi horror(o proprio per quelli), faceva pensare ad una nascita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0