accedi   |   crea nuovo account

La spirale dell'amore

Diventiamo consapevoli del piacere dopo averlo perso. Dopo aver perso una donna, la apprezziamo di più.
Ho conosciuto Rina, una ragazza di campagna con i capelli biondi e la pelle bianchissima. Nei primi giorni e settimane che sto con lei, il piacere è intenso: una sensazione di stupore, una continua scoperta del corpo e della psiche della ragazza. Ogni giorno che trascorriamo insieme ci sono novità, imprevisti, scoperte. Quando accarezzo il corpo di Rina, mi eccito in modo indescrivibile e mi sento precipitare in un abisso di voluttà.
È passata una stagione, tutta l'estate.
Ogni piacere troppo prolungato provoca l'assuefazione e non lo sentiamo più. Adesso, quando bacio Rina, quando accarezzo i suoi seni, provo un piacere stanco, un piacere consumato e logoro.
Adesso non resta quasi più nulla da scoprire: conosco i gusti di Rina, conosco la sua psicologia; so cosa le piace e cosa detesta, so come reagirà nelle situazioni che si presentano, so cosa sceglierà. Insomma, adesso conosco tutto di lei; so perfino la marca del gelato che comprerà.
Anche il suo corpo non offre più misteri e conosco tutto: il bel seno, le natiche magre, le gambe lunghe, il pelo del pube scarso e soffice, come piace a me; un neo sulla pancia, a destra, che mi dà un po' fastidio
Adesso con Rina provo nausea per la troppa vicinanza, per le emozioni troppo prolungate, per il troppo tempo che siamo stati insieme. Anche il piacere ha bisogno di pause, altrimenti l'uomo cade nell'assuefazione e non riesce più a percepirlo. Ho bisogno anche di solitudine; l'intimità che dura troppo a lungo mi disturba e infastidisce. La vita insieme a una donna in principio è piacevole, poi noiosa e infine insopportabile.
Sono trascorsi altri 5 mesi e ho perduto Rina.
Lei non c'è più, perché va con un altro ragazzo, e adesso io la rimpiango, la vorrei ancora. Dovrò faticare molto per conquistarla di nuovo e strapparla al mio rivale. Non so se riuscirò.
Se diventerà ancora mia mi divertirò, poi mi stancherò e infine la lascerò. Ma se rimarrà incinta sarò costretto a restare con lei.
L'amore è solamente il trucco della Natura per attrarre le coppie e costringerle a fare i figli.

Agosto 2002

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0