username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sogno numero Uno

…. sei in un corridoio, lunghissimo, non sembra ci siano altri utenti, cammini a passo regolare, alcuni neon, molti a dire il vero, sono in fin di vita e lampeggiano in modo irregolare, provocando un rumore TAC TATATATAC, che è anche l’unico rumore percepibile oltre i passi; non sai perché sei in quel corridoio, sai solo d’esserci, non sai se l’uscita più vicina è alle spalle o davanti, in fondo, lì dove sembra le luci siano fisse, comunque cammini, indifferente, quasi rassegnata, almeno fino a che sembra che le pareti del corridoio comincino a restringersi, come un budello di salsiccia, sembra quasi animarsi e volerti afferrare; a questo punto cerchi di guardarti indietro, verso il percorso già fatto, ma, dietro, c’è solo buio, come se, quasi fosse un videogioco, il pavimento si sviluppi davanti, cessando di esistere alle tue spalle;sudore, battito irregolare, però vai avanti, l’angoscia ancora non è tua compagna, e vai avanti, il TAC TATATATAC degli starter consunti continua ad essere l’unico suono percettibile, cerchi di restare indifferente, di non riconoscere neanche con te stessa di avere qualche dubbio, qualche brivido di paura, ti costringi a non guardare il buio alle spalle, fissi con ostinazione il corridoio cercando di intuire dove sarà il punto di soffocamento, ma, ad un tratto c’è qualcosa che esce, quasi come un ectoplasma da una parete, cos’è? Ti avvicini e la scopri “mano” mano umana, calda
morbida, sicura, taumaturgica…. Sei indecisa, spaventata e confusa, hai paura di sbagliare, di sbagliare ancora, temi che anche questa “mano” possa, nell’attimo in cui cerchi di stringerla, sparire nel nulla della notte, però poi ti avvicini…. la tocchi, percepisci il suo calore, ne contraccambi la carezza, ne trai la forza della fiducia e….. un tuono ti sveglia!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • nemo numan il 19/08/2009 08:00
    bravo
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 16/05/2008 20:32
    il buio che t'ingoia e lo lasci alle spalle... mmm... bravo
  • Anna G. Mormina il 09/01/2008 18:58
    ... in effetti accade sempre così, sia che sian belli o brutti i sogni...
    ... ci si sveglia sempre senza sapere come va a finire...
    ... un sorriso gigi!
  • Antonio Guizzaro il 07/01/2008 12:46
    Ciò che trovo molto bello è che il sogno è di solito consolatorio. Qui, al contrario, la dolce realtà del risveglio supera l'incubo. Bravissimo.
  • luigi deluca il 06/01/2008 12:44
    in effetti può essere la metafora di una nascita, del travaglio di una donna che sta per "nascere" a nuova vita, brave, m'avete "sgamato" bene il seguito è in divenire,
    con rinnovata simpatia, gigi
  • Maria Lupo il 05/01/2008 12:42
    Sì, oceano, anch'io ho avuto questa sensazione, l'ho scritto a Gigi... i significati credo siano vari e complessi...
  • Maria Lupo il 04/01/2008 15:57
    Che casino... riscrivo la prima parte
    Molto ben raccontato ma si aspetta il seguito... chi è la protagonista del sogno?
  • Maria Lupo il 04/01/2008 15:55
    Molto benaccotato, Gigi... a si aspetta il seguito... Chi è la protagonista del sogno?
    Ti scriverò per approfondimenti, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0