PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La bestia che ho nel cuore

Fuori piove e dentro nevica. Eppure ero riuscita a fermarla. L’avevo ammansita negli anni, con calante difficoltà, ero riuscito a imbrigliarla, a legarle le zampe, l’avevo chiusa in un’involucro di ghiaccio. È bastata una tua stilettata per farla risvegliare, per spaccare la gabbia che la teneva prigioniera, e ora lei è lì. È una bestia, una bestia nera che si muove dentro al mio cuore, è cieca ma ha denti aguzzi e unghie affilate, la sento ringhiare e ruggire, sento piantare i suoi artigli nella mia carne, sento le sue risa beffarde che si confondono con le mia di dolore, ha assaggiato il mio sangue e ne vuole ancora, sempre più. Sono bastate poche parole per fare cadere la coltre di ghiaccio che la copriva. Il fiume gelato che mi scorreva nelle vene si è stiepidito fino a farsi bollente, ora mi pulsa in testa. La bestia che ho dentro si chiama male di vivere e mi solletica adulante in cervello e la pancia, ma ora so cosa devo fare, non sono più un bambino, sono cresciuto da quel giorno che mi cambiò la vita mio malgrado, è passato tanto tempo e immenso dolore dal giorno in cui fui strappato bruscamente alla mia infanzia e gettato nel baratro, questa volta non mi limiterò ad ammansirla di nuovo, questa volta la ucciderò e la getterò così lontano da non rivederla mai più, la getterò dove non può più nuocere a nessuno. E uscirò in cerca di te, anima mia.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: