username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A MIO PADRE

Non è un racconto ma non potevo metterlo nelle poesie, è semplicemente una lettera a mio padre.

Quando ero bambina mi riparavo stretta stretta tra le tue braccia, poi guardavo in su per scorgere il tuo viso che mi faceva le smorfie. Mi alzavi per aria, io ridevo, gridavo di gioia abbracciata al mio papà e lo sguardo verso il mondo.
Crescendo mi hai sollevata tutte le volte che cadevo, mi hai guidata verso la strada giusta, ma mi hai seguita anche nei percorsi sbagliati, in silenzio, rispettoso e paziente; abbiamo riso e pianto insieme; non sempre ci siamo capiti ma siamo stati sempre vicini.
Mi hai insegnato il rispetto e la lealtà, la vita mi ha dato il coraggio e le delusioni ci hanno messo la forza.
Ora non sono più bambina, le tue mani sono rugose, i tuoi occhi sono stanchi dopo avere visto così tanto ma continuano ad avvolgere e accarezzare ogni cosa su cui si posano, le tue parole sono forse un po’ più dure ma sempre fragranti di semplicità. Non hai mai adeguato la tua voce chiassosa e i tuoi gesti schietti e a volte irriverenti; e soprattutto non hai smesso di protestare e di andare contro corrente, anche adesso che dovresti riporre certi rancori.
Il tuo cuore è ancora intatto, eppure è caduto così tante volte…. Credi sempre nell’onestà che ti ha fatto da impalcatura e da scudo contro tutto quello che la vita ti ha scagliato addosso; hai scelto le strade più lunghe, quelle meno facili, ma eri sicuro di arrivare comunque.
Io sto proseguendo il cammino che mi hai preparato, con lo sguardo all’orizzonte e nel cuore l’orgoglio di essere tua figlia.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • *Sunflower* il 29/04/2011 14:53
    mi sono commossa! è stupendo e ci ritrovo il rapporto che ho io col mio papà :') complimenti!
  • Antonello Gualano il 27/07/2008 19:47
    è vero Simona, non è un racconto ma, a mio parere, si avvicina molto ad una poesia, una bella, toccante, profonda poesia. Un tributo ad una persona importante, un inno all'amore verso il proprio padre. L'hai scritta tu, ma la sua universalità fa di questo testo un altro frammento di eccellente valore poetico...
  • pietro luigi crasti visintini il 22/07/2008 08:44
    bella, bella, bellissima lettera SIMONA. Anch'io ho scritto su mio Padre che non ho più.
    Oggi anch'io sono padre e spero di esserlo per bene.
  • Cinzia Gargiulo il 11/04/2008 22:12
    Una bellissima lettera, piena di tenerezza a amore filiale.
    Brava!
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0