PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

C'era una volta un re

C'era una volta un re, seduto sul sofà, che disse alla sua serva: "Raccontami una storia". E la serva incominciò.
C'era una volta un grande re, che governava non da un trono: da un sofà. E questo grande re aveva una vecchia serva, capace di inventare le fiabe. Una sera, stanco, le disse: "Raccontami una storia". E la serva incominciò.
C'era una volta un re grande e potente, ormai anziano. Egli governava il suo popolo con mano sapiente e mente illuminata, tanto da aver rinunciato da tempo al suo trono ingioiellato. Al suo posto, nella sala delle udienze aveva adagiato un comodò sofà: ormai vecchiotto anche lui, ma era il posto migliore per posare le regali terga, ed ascoltare quelli che gli chiedevano udienza. Il grande re potente aveva, come grandissima amica, una vecchia serva che era stata con lui fin dai tempi dei tempi, sempre. Una sera, stanco dopo una lunga giornata di estenuanti trattative e petulanti petizioni, le chiese, con un po' meno garbo del solito: "Raccontami una storia". E la serva incominciò.
C'era una volta un grande re, potente e saggio, che vedeva i suoi giorni ormai diventar sempre più lunghi e grigi, tanto era vecchio e quasi svuotato d'ogni sua forza di vivere e comandare. Egli aveva sempre governato il suo buon popolo con grande giustizia, con mano sapiente, con illuminata saggezza e con la forza necessaria a mantenere l'ordine, mai di più. Era un re umile ed umano, che non desiderava dare inutile sfoggio di viana ricchezza o presuntuosa superiorità: la sua dimora non era poi tanto diversa dalle case dei suoi comuni cittadini, e riceveva ambascerie e richieste e preci e delegazioni nel suo salotto privato. Soleva offrire, a chiunque gli si parasse davanti, tè e pasticcini danesi al burro: dal primo ministro della nazione nemica all'ultimo contadino della provincia più lontana. E faceva accomodare il questuante, di qualunque estrazione si fosse, al suo fianco, su un comodo sofà un po' sfondato, mezzo sfilacciato, ma era il posticino più accogliente di tutto il regno. E quando veniva sera, il re si ritirava nella medesima stanza dov'era stato tutto il giorno, ma si premurava di chiudere per bene le porte alle spalle dell'ultimo uscito, perché il prossimo entrasse solo con il giorno nuovo. Non dimenticava mai, però, di far accomodare una sua carissima amica di vecchissima data: un'anziana serva, malconcia e zitella, ma dotata dell'enorme potere che al grande re mancava, e se ne crucciava. Costei aveva in sé la magia di saper tessere le storie, come le altre serve avevano l'abilità di tesser tele sul telaio, con la stessa facilità. Quella sera il re, però, era oltremodo provato da una giornata più dura e diffcile del solito: allungò anche i piedi sul sofà, occupandolo tutto, ed indicò alla serva il piccolo sgabello scomodo che, normalmente, era riservato ai clienti meno graditi. E con voce un po' troppo tonante persino per le sue stesse intenzioni, intimò alla serva: "Raccontami una storia". E la serva incominciò.
C'era una volta un re, seduto sul sofà, che disse alla sua serva: "Raccontami una storia". E la serva stette zitta.
Perché anche le serve si stancano e si offendono, se non le si tratta con bel garbo. E ci hanno pure ragione.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marcello Piquè il 01/09/2013 07:53
    brava la serva. se lo è proprio meritato. bravo
  • Anonimo il 09/05/2009 10:55
    mi divertivo a dire la parte iniziale!!!!
  • Anonimo il 03/03/2009 10:41
    Simpatica!
    Contessa Lara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0