accedi   |   crea nuovo account

Sogno lisergico

Non per entrare nel merito della certezza (intesa come convinzione assoluta e irremovibile), ma credo che non sia altro se non il bisogno derivato da una serie complessa di paranoie. Per stare tranquillo dovrei liberarmi di questo bisogno, per poter vedere ed accettare quel che sarà, senza che necessariamente deluda o soddisfi una serie d’aspettative ad essa correlate. Dovrei basarmi sull’esperienza immediata, sulle piccole cose, su quel poco che realmente c’è dato di conoscere, come questi venti euro. La mia unica certezza è che ho venti euro in tasca. (breve parentesi per dire quanto le certezze siano appunto relative. Venti euro per qualcuno rappresentano il nulla, a seconda della provenienza geografica, il contesto familiare e quello sociale; per altri sono più che una certezza, una speranza. Venti euro possono risolvere una vita con un biglietto della lotteria, un gratta e vinci, una bottiglia di vino e un pacchetto di sigarette). Così, con le mie certezze in tasca, non appena uscito di casa, incontrai Pietro
“Ho l’acido! Occhio però, è lisergico. Ti farai un sacco di risate ma avrai anche delle allucinazioni e costa solo quindici euro.”
Non potevo permettermelo, non potevo spendere la quasi totalità dei miei averi per un cartoncino, ma poi il pensiero che con venti euro non sarei andato molto più lontano di cinque, decisi di affrontare quest’esperienza. Pietro mi ha raccomandato di fare attenzione, di non prenderlo intero, ma di prenderne piccole quantità fino a raggiungere lo stadio desiderato.
Sono un ignorante in quest ambito però, per cui senza pensarci due volte lo presi tutto e buona notte.
Questo, altro non è che il frutto di quell’esperienza. Un’ esperienza in cui tutto era reale e tutto il contrario, tutto era sogno e tutto realtà, non sono mai stato così lucido da fuori e così fuori da lucido. Così ripetendo i gesti della mia quotidianità, mi ero avventurato nella visione elastica delle dimensioni e tutto sembrava andare per il meglio, quando una donna mi ha chiesto il motivo per cui, non essendo un bellissimo, avessi così tante "cagnette" intorno.
"Guarda che si tratta di un equivoco. In realtà non esiste una ragione per questa cosa. è tutta un illusione".
"Ma se fanno come le pazze!"
"Te lo giuro, sono solo coincidenze".
Poi rivolgendosi al suo amico (che nel frattempo comincia a guardarmi in cagnesco)
"Questo ragazzo ha delle doti nascoste non lo credi anche tu?" - poi verso me - "Stanotte vieni a casa mia così appuriamo il tutto: "
"Guarda, se proprio vuoi, vengo, ma non crearti troppe aspettative. Non ho paura, sono certo che le deluderei"
L'amico: "Bravi ragazzi, veramente bravi. E io che faccio?"
allora io: "Beh se vuoi, puoi guardare!"
Fortunatamente ha desistito a questa proposta. quindi dopo aver raccontato una barzelletta esilarante (per effetto del lsd credo), andiamo a casa di Clementina.

123456

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • maynard keenan il 09/04/2009 22:53
    davvero bello. complimenti
  • Anonimo il 27/04/2008 18:32
    Che spettacolo... ce ne fossero 10, di stelle, te le assegnerei tutte... sono senza parole...!!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 27/03/2008 04:29
    Sublime.. Sublime.. Sublime... Lucy in the Sky with Daimonds.. non so neanche da dove cominciare... dovrei ricopiare tutto il tuo racconto...è uno scrigno di mille pensieri d'oro... Va di moda il vino d'AVOLA... PERCHE TUTTI INCONSCIAMENTE CERCANO UNA... FAVOLA... Huxley aveva ragione quando voleva dare un Acido a tutti... per fortuna tu non ne hai bisogno... il tuo corpo lo produce in modo naturale... e sei come lui uno scrittore di verità eterne... bellissimi questi ragni... mi fanno pensare ad una ragnatela fatta di fili di stelle... a cui non si puo fuggire... Taglio corto... mi mancano i crediti.. lol

    Giano bifronte... sublime l'immagine della moneta con Gesù.. su una faccia eGiuda sull'altra... nella moneta romana ci sono Giano e l'altri i Dioscuri... Castre e polluce... argonauti alla ricerca del vello d'oro...

    Una via iniziatica... dalla verginità... alla prostituzione.. al tradimento.. si apre una vita eterna... nella quale veramente risorgi... minchia.. lol

    Nella splendida compagnia di Clementina e Costanza... due ottime donne-doti di qualità..

    Che bel sogno.. l'alba meravigliosa esplode... sarà ancore l'effetto di Lucy? John Lennon aveva capito... peccato che si sia mostrato troppo...

    Con stima e affetto
    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0